martedì,Giugno 18 2024

Aree verdi a Vibo tra “incuria e degrado”, Stefano Soriano contro l’amministrazione: «Città in agonia»

In città e nelle frazioni continua a registrarsi una manutenzione perennemente in ritardo, nonostante i proclami sull'importanza delle ville e dei parchi. «La giunta Limardo passerà alla storia solo per i selfie»

Aree verdi a Vibo tra “incuria e degrado”, Stefano Soriano contro l’amministrazione: «Città in agonia»

La cura dell’ambiente rientra tra le maggiori esigenze dei nostri tempi. Avere dei parchi nelle nostre città e preservarli con la giusta manutenzione significa garantirci una buona qualità della vita. Senza dubbio, un particolare rilievo a salvaguardia delle bellezze naturalistiche e della nostra salute è dato dalle attività di manutenzione del verde. Tuttavia a Vibo Valentia capita di imbattersi in aree verdi trascurate che meriterebbero sicuramente più attenzione e, sul punto, è il consigliere comunale Stefano Soriano (capogruppo del Pd) a non risparmiare attacchi all’amministrazione Limardo. Soriano spiega infatti che «camminando nel cuore di Vibo Valentia, a pochi passi dall’ospedale civile, capita di imbattersi in un luogo che non sai definire. Non sai se è un bosco, una foresta o qualcosa che somigli vagamente a un piccolo parco». Più dettagliatamente, il consigliere descrive la situazione in cui versa un’area verde “vicino il nosocomio vibonese dove le vie Filanda, Salvemini, Parisi e Gramsci, incrociandosi, delimitano uno spazio verde in cui regnano da troppo tempo incuria e degrado». [Continua in basso]

«Uno spazio in cui il tempo per questa amministrazione Limardo sembra non essere trascorso perché nulla è cambiato, tutto è rimasto uguale – prosegue Stefano Soriano -. Eppure il sindaco Maria Limardo nelle proprie linee programmatiche, quelle con cui si presentava alla città durante la scorsa campagna elettorale, affermava testualmente che “Vibo Valentia è da considerare senza dubbio alcuno una vera e propria “Città verde”, possedendo già ben quattro parchi urbani e una serie di ville private di riconosciuto pregio. Il parco urbano di Moderata Durant, la storica villa comunale oggi intitolata al capitano Cremona, il romantico Parco delle Rimembranze e l’affascinante e nobile Villa Gagliardi rappresentano un’invidiabile rete di aree verdi da valorizzare e mettere a sistema quali straordinari polmoni per una città dall’alto livello di vivibilità, con appositi spazi attrezzati a misura di bambino. Questa rete dovrà essere valorizzata e resa fruibile per la collettività attraverso bandi di gestione che rappresenteranno nuove opportunità occupazionali”. Il consigliere rammenta così alcune delle dichiarazioni che hanno caratterizzato l’ultimo periodo elettorale: solo parole, solo annunci e nulla altro».

«Questa amministrazione passerà alla storia per i selfie, per gli annunci e niente più – chiosa Soriano -. Con riguardo agli spazi verdi credo siano sotto gli occhi di tutti le condizioni in cui versano il parco urbano e la “nobile” villa Gagliardi che dovevano rappresentare una parte della rete di aree verdi da valorizzare e che invece l’amministrazione ha abbandonato senza che i cittadini ne possano davvero fruire in pieno. Vibo è una piccola cittadina di 34.000 abitanti e basterebbe davvero poco per curare quei pochi parchi, grandi o piccoli che siano. Da tempo porto avanti una mia personale battaglia per il piccolo parco che esiste in via Accademie Vibonesi e che è collegato all’asilo comunale. Anche lì l’amministrazione ha alzato bandiera bianca: giochi rotti, illuminazione inesistente e cura del verde approssimativa. Passando alle frazioni, la situazione non migliora e basta pensare alle condizioni della pinetina di Vibo Marina e ai due piccoli parchi di Bivona, uno vicino la chiesa e uno sul lungomare di cui l’amministrazione comunale si ricorda a fasi alterne con il taglio erba e che, comunque, sono quasi completamente privi di illuminazione”.

Stefano Soriano

L’affondo del capogruppo del Pd: «Il sindaco Maria Limardo e la sua compagine di governo possono continuare con i proclami, i partiti e i movimenti che la sostengono possono raccontare la storia che meglio credono, ma i fatti su cui i cittadini dovrebbero concentrarsi sono sotto gli occhi di tutti e mi auguro che i vibonesi tra un anno se ne rendano conto e non si facciano abbindolare ancora una volta dal cambio di nome del futuro sindaco o dai piccoli “favori” che questo o quel politico possono fare o promettere. Perchè a queste latitudini mantenere una città come Vibo Valentia in agonia è solo una scelta per far credere a molti che la cosa che spetta di diritto è un favore che ti ha fatto qualche amico il quale poi ti chiederà puntualmente il voto».

LEGGI ANCHE: Strada del mare e accessi per Bivona, Stefano Soriano denuncia lo stato di totale abbandono

Vibo, palestra inclusiva all’aperto impraticabile. La denuncia di Stefano Soriano

Comune di Vibo, tempi biblici per il rilascio di una Carta di Identità

Vibo, asilo nido: Soriano denuncia lo stato della strada di accesso

top