Rischio idrogeologico, Soriano al sindaco: «Avviare gli interventi su fossi e torrenti»

Il segretario cittadino del Pd evidenzia lo stato del mare dopo le recenti piogge e chiede al Comune di verificare con attenzione lo stato delle cose

Il segretario cittadino del Pd evidenzia lo stato del mare dopo le recenti piogge e chiede al Comune di verificare con attenzione lo stato delle cose

Informazione pubblicitaria
Lo stato del mare prima e dopo le pioggie

«In dei giorni in cui la natura ci ha ricordato quanto i nostri territori siano fragili colpendo le zone del centro Italia con un terremoto che rischia di avere un bilancio ancora maggiore di quello dell’Aquila ed in cui tutti noi italiani siamo con il cuore vicini ai nostri connazionali, mi preme sollevare una questione che negli anni ha più volte interessato il comune di Vibo Valentia».

È quanto sostiene in un comunicato stampa il segretario cittadino del Partito democratico di Vibo Valentia, Stefano Soriano, riferendosi al «forte fenomeno temporalesco che, nei giorni scorsi, ha colpito le frazioni marine della città, riportando alla memoria ricordi tragici vecchi di dieci anni in quanto nel giro di poche ore interi quartieri si sono ritrovati allagati e ricoperti di liquami provenienti dalle fogne».

Per Soriano, il mare, «che fino a quel giorno era stato forse il più bello da quel tristemente famoso 3 luglio 2006», ha «perso completamente la sua lucentezza travolto da ogni tipo di rifiuto e qualsivoglia scarico. A questo punto come detto in principio mi piacerebbe comprendere se l’amministrazione comunale targata Costa abbia provveduto ad avviare i necessari accertamenti per il controllo degli alvei fluviali e torrentizi nonché la manutenzione ordinaria degli stessi, e con il Consorzio per lo Sviluppo industriale in qualità di gestore degli impianti di depurazione del Comune di Vibo Valentia al fine di accertare se e cosa non abbia funzionato in occasione degli eventi atmosferici delle ultime due settimane che hanno portato il mare ad avere un colorito marrone ed un odore di ”fogna” in una stagione che fin li si era caratterizzata nel territorio comunale per il mare pulitissimo e trasparente».

L’interrogativo ha «una duplice portata. Da un lato – sostiene il segretario – è necessario verificare se l’amministrazione ha compreso ed accertato il reale motivo dello stato attuale del mare e nel caso in cui sia stato fatto se abbia messo in campo le soluzione adeguate per risolvere il problema per il futuro. La stagione estiva è stata distrutta proprio nel suo momento più importante in termini di presenze, ovvero la settimana di ferragosto, e ciò ha provocato un danno importante ai tanti operatori che tra mille difficoltà lavorano nel nostro territorio».

Ancora, spiega Soriano «mi preme sapere se l’Amministrazione ha effettuato di recente i controlli necessari sui torrenti ricadenti nel territorio comunale di Vibo Valentia che in occasione delle piogge continuano ad essere sollecitati e quando abbia effettuato l’ultima manutenzione sui torrenti.
Ritengo che non sia più possibile differire gli interventi su questi settori che sono importanti tanto per l’incolumità degli abitanti di Vibo Valentia che per il settore turistico che da sempre tutti noi sosteniamo nelle varie campagne elettorali che debba essere il volano per l’economia vibonese».