martedì,Giugno 18 2024

Aggressioni ai sanitari, Amalia Bruni: «Situazione grave, non bastano annunci»

Il consigliere regionale, nonché medico, al presidente Occhiuto: «I colleghi lavorano in condizioni di estremo disagio, con un organico ampiamente sottodimensionato e senza sufficienti presidi di pubblica sicurezza»

Aggressioni ai sanitari, Amalia Bruni: «Situazione grave, non bastano annunci»
Amalia Bruni

«Sono davvero molto preoccupata per le aggressioni ai medici e al personale sanitario che si succedono con frequenza sempre più preoccupante nelle nostre strutture e, purtroppo, credo che la situazione sia destinata a peggiorare nei mesi a venire». È questo il monito di Amalia Bruni, consigliere regionale del Partito democratico e vicepresidente della Commissione sanità nonché medico neurologo, a seguito dell’episodio di violenza verificatosi nei giorni scorsi all’interno dell’ex ospedale di Soriano Calabro dove si trovano i locali delle postazioni di Guardia medica e 118. Il consigliere regionale mette nero su bianco i numeri relativi alle aggressioni nelle strutture sanitarie: «In Italia nel 63% dei Pronto soccorso si verifica in media almeno un episodio di violenza fisica e, nella metà dei casi, questo avviene nelle strutture in cui il sovraffollamento di pazienti è maggiore (dati Simeu). Una situazione non più sostenibile rispetto alla quale la politica non può restare a guardare senza fare praticamente nulla. Siamo di fronte a una escalation di violenza che non accenna a fermarsi. Ogni giorno leggiamo una sorta di bollettino di guerra, solo negli ultimi giorni abbiamo appreso dell’infermiera presa a pugni presso il Pronto soccorso di un ospedale della Campania e delle aggressioni nella Guardia medica di Soriano calabro e al Pronto soccorso di Vibo. In tutta Italia, nel 2022 si sono registrate oltre 1600 aggressioni (fonte Inail) che hanno avuto come vittime donne nella stragrande maggioranza dei casi». Bruni avverte: Tutto questo non è più tollerabile. In Calabria si sono verificati addirittura degli omicidi senza che questo, al di là delle solite dichiarazioni del momento, cambiasse qualcosa. La situazione è gravissima, non servono a niente i soliti annunci e se non si interviene con determinazione e provvedimenti mirati, andrà sempre peggio». Amalia Bruni conclude rivolgendosi al presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto: «Attese lunghissime nei Pronto soccorso, file interminabili per una visita o per un esame diagnostico fanno salire la tensione al massimo che poi fa esplodere la rabbia dei familiari che quasi sempre viene scaricata sul personale medico. E questo nonostante i colleghi lavorino in condizioni di estremo disagio, con un organico ampiamente sottodimensionato e senza sufficienti presidi di pubblica sicurezza che tutelino la loro incolumità e quella di tutti i pazienti. La mancanza di programmazione, l’assoluta incapacità di spendere le risorse che pure ci sono (per esempio i fondi Covid), e la solita lentezza nell’assumere decisioni ci hanno portato a questo punto. Bisogna che Regione e commissario in primis si scrollino di dosso questa inerzia, altrimenti rischiamo una tragedia al giorno. Noi siamo disponibili a dare una mano come sempre, se davvero c’è volontà di risolvere il problema».

LEGGI ANCHE: Sanità in crisi, vertice Pd a Vibo. Mammoliti: «Asp sia affidata a un direttore generale»

Aggressione alla Guardia medica, Battistini incontrerà i sindaci per rimodulare le postazioni – Video

Aggressioni nelle Guardie mediche del Vibonese, riunione in Prefettura

Aggressioni a Soriano, gravi le condizioni del ferito, i carabinieri indagano per lesioni

Articoli correlati

top