Fratelli d’Italia, arriva la replica alla Ferro: «La riunione c’è stata»

Vibo, assessore e consiglieri del partito rispondono alle dichiarazioni del commissario regionale di valutare la fine dell’esperienza Limardo: «Il sindaco ha la nostra incondizionata fiducia»
Vibo, assessore e consiglieri del partito rispondono alle dichiarazioni del commissario regionale di valutare la fine dell’esperienza Limardo: «Il sindaco ha la nostra incondizionata fiducia»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Non aspettano neanche 24 ore, gli esponenti politico-istituzionali di Fratelli d’Italia per replicare al loro commissario regionale. Perché la discussione che si vorrebbe aprire, e forse si sta chiudendo subito, è un tema troppo importante da lasciar passare sotto silenzio. Dopo le dichiarazioni di Wanda Ferro, che questa mattina ha invitato il sindaco Maria Limardo ad aprire una discussione di maggioranza per valutare la fine anticipata della consiliatura, alla luce dei risvolti delle inchieste giudiziarie degli ultimi tempi, arriva la replica dell’assessore Michele Falduto e dei consiglieri comunali Antonio Schiavello e Antonio Curello.

«Ringraziamo l’onorevole Wanda Ferro, deputata eletta proprio nel collegio uninominale di Vibo Valentia – si legge nella nota – per il comunicato pubblicato stamattina sugli organi di stampa. Concordando con il merito dell’articolo, noi rappresentanti del partito Fratelli d’Italia in seno al consiglio comunale, prendiamo atto della piena fiducia ribadita dal commissario regionale del partito al sindaco Maria Limardo, facendo presente che in questo senso sarebbe stata assolutamente necessaria l’auspicata riunione di maggioranza, qualora – ed ecco il passaggio cruciale – la stessa non si fosse già tenuta nelle ultime ore e ed alla quale ha preso parte proprio il coordinatore provinciale del partito, Antonello Fuscà. Quindi, ribadiamo che vi è piena sintonia tra noi ed il partito, nella persona del commissario Ferro, anche perché la stessa non ha mai fatto mistero della propria personale vicinanza al territorio di Vibo Valentia, anche in occasione dell’ultima campagna elettorale che ha visto protagonista il sindaco Limardo, alla quale anche noi, insieme all’onorevole Ferro, ribadiamo piena e incondizionata fiducia».

Polemica spenta sul nascere, per quanto concerne le questioni sollevate dalla Ferro. Ma che lascia presagirne un’altra, tutta interna al partito, perché le parole di Falduto, Schiavello e Curello, a dispetto della semantica, tutto sono fuorché concilianti…

Informazione pubblicitaria