Regionali, Callipo sulla sanità: «Chiederemo la fine del commissariamento» – Video

Il candidato alla presidenza per il centrosinistra è intervenuto all’iniziativa promossa dal neurologo Domenico Consoli a Vibo
Il candidato alla presidenza per il centrosinistra è intervenuto all’iniziativa promossa dal neurologo Domenico Consoli a Vibo
Informazione pubblicitaria
L'iniziativa di Consoli a Vibo
Informazione pubblicitaria

«Chiederemo l’abolizione del commissariamento della sanità che dura da tantissimi anni e non ha portato a nessuna soluzione perché le cose in questi anni sono peggiorate». Pippo Callipo mette al bando gli emissari del governo che da anni gestiscono la sanità calabrese. Lo fa nell’ambito della presentazione a Vibo Valentia di uno dei suoi candidati, il neurologo Domenico Consoli, che della medicina è uno dei massimi esponenti nella regione. Per il portabandiera del centrosinistra è arrivato il momento di restituire ai professionisti calabresi la gestione di un settore che si porta via, giusto per comprenderne l’importanza anche politica, la metà del bilancio dell’ente.

«Formerò una squadra di specialisti calabresi della sanità – ha aggiunto -. Medici, professionisti, ne abbiamo tantissimi in Calabria e ci aiuteranno a rialzarci da questa situazione indecente. Ai sondaggi che danno il centrodestra in vantaggio, Callipo risponde così: «Io i sondaggi non li tengo in considerazione. Vado avanti per la mia strada a parlare ai calabresi. Mi si accusa di non essere un politico, ma questo ben venga perché la Calabria ne avuti tantissimi di politici in questi anni ma se questi sono i risultati, allora forse è il momento che arrivi una persona che sa fare, costruire, organizzare. Una persona che sa ascoltare».

Di sanità si parlerà anche domani, sabato 18 gennaio, nell’ambito dell’intervento del ministro della Salute Roberto Speranza atteso a Vibo Valentia alle 14.30, quando al 501 Hotel si svolgerà un incontro alla presenza dello stesso Callipo e del candidato al consiglio regionale con io resto in Calabria Antonio Lo Schiavo.

Informazione pubblicitaria