martedì,Settembre 28 2021

Incendio a Limbadi, la Lega attacca: «Serve un presidio di prossimità»

Il coordinatore Antonio Macrì lamenta lungaggini nei tempi d’intervento: «Prima che arrivi un mezzo di soccorso passano circa 40 minuti»

Incendio a Limbadi, la Lega attacca: «Serve un presidio di prossimità»
L'incendio a Badia di Limbadi

«L’ennesimo incendio a distanza di qualche settimana che mette in ginocchio un un’altra famiglia, questa volta a Limbadi. Ora basta! Non è possibile che un territorio come il nostro debba essere sempre svantaggiato sul piano della tempestività degli interventi di soccorso». È quanto afferma in una nota il coordinatore provinciale Lega Giovani nonché coordinatore comunale della Lega di Nicotera, Antonio Macrì in riferimento all’incendio che ieri sera ha distrutto un appartamento situato in una mansarda in viale della Libertà a Badia, frazione di Limbadi.

Spaventoso incendio a Limbadi, le fiamme distruggono una mansarda – Video

Antonio Macrì

«Come ben sappiamo – scrive Macrì -, nell’incendio di ieri sera, i Vigili del fuoco hanno dovuto attendere che arrivasse un’autobotte da Vibo Valentia per poter continuare l’operazione di spegnimento dell’incendio, cosa molto grave e che poteva creare ben più grossi e gravi problemi. In tempi non sospetti mi sono interessato della questione che riguarda quella che doveva essere una postazione dei vigili del fuoco proprio a Badia, la sede è quella del Com, che dista meno di un chilometro dall’abitazione andata in fumo. Una sede che l’ex comandante dei vigili del fuoco aveva già riconosciuto come punto di primo intervento, ma che per una semplice e necessaria autorimessa non è mai stato possibile avviare».

Per Macrì «il territorio è scoperto di ogni presidio di sicurezza, ma ora basta! Nicotera deve avere la sua postazione dei vigili del fuoco a tutti i costi, e ne gioverebbero molti altri comuni limitrofi che tutt’oggi si trovano nella stessa situazione di pericolo, con tempistiche di intervento che superano di gran lunga i parametri prefissati dalle normative vigenti in materia di soccorso: 8 minuti in ambito urbano e 20 minuti in ambito extraurbano. Addirittura prima che arrivi un mezzo di soccorso passano circa 40 minuti».

Prosegue l’affondo dell’esponente leghista: «È inutile che si continui a dire che mancano i fondi, perché qui non servono milioni di euro, e anche se fosse, una vita vale più di ogni cifra. La soluzione è semplice, il sindaco e l’ufficio competente si attivino nel più breve tempo possibile a trovare i fondi necessari per la realizzazione dell’opera. Anche per il personale non ci sono scusanti, perché sul territorio ci sono moltissimi vigili del fuoco volontari e discontinui, che sono già formati e pronti a prendere servizio per il bene dei cittadini. Visto che ci avviciniamo sempre di più al periodo estivo e come sempre si ripresenteranno situazioni di grave pericolo per la popolazione, come incendi a ridosso della città, contatterò personalmente gli organi competenti affinché la questione venga presa in considerazione in modo tempestivo».

top