lunedì,Aprile 19 2021

Comunali nel Vibonese | A Pizzo in corsa Callipo, Borrello e la pentastellata Manduca

Il “renziano rampante” e ambizioso, la “vecchia volpe democristiana” e la “grillina” con il pallino della “rivoluzione”. Tre diverse proposte amministrative sottoposte al vaglio degli elettori napitini. Ecco le liste depositate. Nessuna sorpresa.

Comunali nel Vibonese | A Pizzo in corsa Callipo, Borrello e la pentastellata Manduca

In corsa per la poltrona più importante di Palazzo San Giorgio saranno quindi in tre: il sindaco uscente Gianluca Callipo, l’ex consigliere regionale ed ex primo cittadino Antonio Borrello e la pentastellata Carmen Manduca. Callipo si ripropone sotto le insegne del movimento “Futura”, nato dal rinnovato accordo elettorale tra Partito democratico e Sinistra Italiana e dall’apporto di esponenti della società civile.

Questi i candidati che lo sosterranno: Giorgia Andolfi, Fabrizio Anello, Andrea Betrò, Francesco Bilotta, Sharon Fanello, Antonio Gaglioti, Giacinto Maglia, Pasquale Marino, Cristina Mazzei, Vincenzo Pagnotta, Maria Francesca Pascale, Silvio Primerano.

Più variegato il cartello elettorale di Borrello: “Unico interesse Pizzo”, che unisce, nei fatti, tutti gli oppositori di Callipo, da destra a sinistra.

Infatti, fanno parte della squadra, tra gli altri, l’ex sindaco dei Ds Franco Falcone, il consigliere comunale d’opposizione Francesco Gammo, il “democratico eretico” Franco Procopio, la forzista Carmen Muzzì, la fedelissima di Borrello, Giusy Federico. E ancora: Santina Belvedere, Angela Caridà, Davide Corallini, Renato Grillo, Eugenio Russo, Luana Vallone, Caterina Varvaglione detta “Marika”.

Infine, è questa è la vera novità, il Movimento Cinque Stelle sarà presente alla competizione con il proprio simbolo, concesso direttamente dal duo Casaleggio-Grillo, e con una capolista scelta, attraverso le primarie, dagli attivisti. Questa la lista del Movimento: Giorgio Betrò, Pamela Bruno, Paola Elia, Matteo Famà, Antonella Marincola, Michele Nadile, Francesco Scuticchio, Maria Concetta Villella.

La parola ora agli elettori.

top