Marciapiedi e strade di Vibo in preda alle sterpaglie, nuova denuncia di Lo Bianco

Per il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia le principali arterie di Vibo Valentia sono immerse nel degrado e anche «il piano di decespugliamento è stato programmato in estremo ritardo»

Per il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia le principali arterie di Vibo Valentia sono immerse nel degrado e anche «il piano di decespugliamento è stato programmato in estremo ritardo»

Informazione pubblicitaria
Via Boccioni a Vibo

«A Vibo, con la bella stagione, spuntano fuori arbusti, pianticelle, e veri e propri praticelli naturali. Peccato che tutto questo non avvenga nei parchi pubblici o nei giardini privati, ma sui marciapiedi dell’intera città. Nel mese di maggio e nei giorni della prima settimana di giugno ho collezionato decine di lamentele dei cittadini: da via Boccioni a via Lacquari, da via Olivarella passando per le frazioni. I marciapiedi dell’intera città sono infestati da erbacce alte quasi mezzo metro».

A riferirlo è il coordinatore cittadino FdI-An di Vibo Valentia Anthony Lo Bianco rilevando lo stato di abbandono in cui versano marciapiedi e cigli stradali che, in molti casi, sono in preda alle sterpaglie. «Sono molti – scrive Lo Bianco – i cittadini che vorrebbero effettuare attività sportiva all’aperto, ma questa loro passione, viene meno quando non si intravedono i marciapiedi. Per non parlare poi, degli anziani, che vorrebbero raggiungere varie mete della città, come il centro commerciale o il negozio vicino la loro abitazione, senza dover magari sfruttare le automobili, quando presenti. Mi riferisco proprio ai molti cittadini che in queste ultime settimane hanno dimostrato la loro paura nel camminare in strada, in quanto il marciapiedi è praticamente scomparso e la pericolosità visto anche le condizioni di visibilità dei vari incroci, non permette loro di spostarsi come vorrebbero».

Il coordinatore di FdI-An cita poi l’art. 190 relativo al comportamento dei pedoni «che troviamo nel nuovo codice della strada: “I pedoni devono circolare sui marciapiedi, sulle banchine, sui viali e sugli altri spazi per essi predisposti”. Ma come facciamo a pretendere determinati comportamenti, nel momento in cui non ci vengono forniti i servizi essenziali? Oggi – spiega più avanti Lo Bianco – la priorità per la nostra città è innanzitutto che l’amministrazione intervenga con lo sfalcio dell’erba, che crea non solo problemi di viabilità pedonale, ma anche a livello igienico-sanitario vista l’elevata altezza. Nei giorni scorsi – ammette Lo Bianco – è stato pubblicato il programma per il decespugliamento primavera/estate 2017, e sono veramente molte le vie interessate tra Vibo Valentia, Portosalvo, Piscopio, le Vene, Longobardi, Vibo Marina, Triparni. Un programma a dir poco in ritardo, considerando l’imminente stagione turistica ed il pessimo stato in cui versa la nostra città. Come mai, ogni anno, ci ritroviamo in queste condizioni? – si chiede infine l’esponente di Fratelli d’Italia -. Prevenire è meglio che curare».