Ricadi, Insardà: «Il Pd contro personalismi e individualismi»

Il commento del segretario provinciale del partito all’indomani della “caduta” dell’amministrazione guidata da Giulia Russo per le dimissioni di sette consiglieri. Solidarietà da Maria Condello
Il commento del segretario provinciale del partito all’indomani della “caduta” dell’amministrazione guidata da Giulia Russo per le dimissioni di sette consiglieri. Solidarietà da Maria Condello
Informazione pubblicitaria

«La fine anticipata dell’amministrazione comunale guidata da Giulia Russo lascia Ricadi senza un riferimento importante per il percorso di una comunità cittadina. Il tempo difficile che stiamo vivendo avrebbe richiesto scelte diverse, ponderate dal confronto e dal dialogo, strumento da noi privilegiato per affrontare i problemi». È quanto riferisce in un commento, all’indomani delle dimissioni di 7 consiglieri comunali di Ricadi che hanno determinato la fine anticipata dell’amministrazione comunale, il segretario provinciale del Pd Enzo Insardà.  

Il Partito democratico, aggiunge Insardà alludendo evidentemente al ruolo giocato dal’ex consigliere regionale dem Michele Mirabello nell’intera vicenda, «è in una nuova fase, nella quale vogliamo che trovino spazio idee e proposte valide, alimentando nuovo impegno e collaborazione con tutti coloro che saranno interessati a rimboccarsi le maniche per il nostro territorio. Il personalismo e l’individualismo come visione del futuro – conclude – sarà osteggiato dal Partito democratico». [Continua]

Solidarietà da Maria Condello

Sulla questione si è espressa anche il consigliere provinciale del Pd Maria Condello. «Come donna, come amministratrice e come esponente del Partito democratico – ha detto -, sento di dover esprimere vicinanza all’avvocato Giulia Russo, nei fatti sfiduciata per motivi di strategia politica e non certo per il suo modo di gestire che è sempre stato improntato all’efficienza, alla legalità ed alla realizzazione del benessere collettivo».

«Spiace – aggiunge Condello – dover assistere a queste situazioni create in un momento particolare in cui Ricadi, per esprimere la sua vocazione turistica e per ripartire adeguatamente, avrebbe avuto bisogno di una guida sicura e profonda conoscitrice del territorio. Sono sicura che il Partito democratico prenderà atto e reagirà per come opportuno per salvaguardare la sua stessa immagine e quella degli amministratori che conducono battaglie a favore della comunità».