Lavori pubblici a Vibo, Russo (Pd): «Ritardi preoccupanti sulle principali opere»

La denuncia del capogruppo democrat in consiglio comunale mette alla berlina l’operato del Comune su sottopasso di Vibo Marina, progetto “Maione”, Piano di protezione civile e diversi altri interventi

La denuncia del capogruppo democrat in consiglio comunale mette alla berlina l’operato del Comune su sottopasso di Vibo Marina, progetto “Maione”, Piano di protezione civile e diversi altri interventi

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Forte è la preoccupazione circa i ritardi nella ultimazione delle opere appaltate da parte dell’amministrazione comunale. Lo stallo in cui si trovano diverse opere pubbliche del Comune di Vibo Valentia dovrebbero indurre l’attuale amministrazione ad una seria ed attenta riflessione sulle cause che determinano il blocco della quasi totalità dei cantieri più importanti in città».

Informazione pubblicitaria

A riferirlo, in una nota, è il capogruppo Pd al Comune di Vibo Valentia Giovanni Russo. L’esponente democrat attacca la maggioranza in questi termini: «Non che i risultati venuti fuori dall’ultimazione di alcuni lavori siano ottimali, e mi riferisco all’intervento in via Carlo Parisi, dove la sede stradale si presenta in condizioni molto precarie e le transenne sono lì ad evidenziare uno stato di pericolo permanente, nonostante la procedura di urgenza che ha comportato una spesa di 550mila euro. Da oltre un anno ormai non si hanno notizie circa la riattivazione del cantiere del sottopasso di Vibo Marina, i cui problemi che hanno impedito il rispetto del cronoprogramma, pongono a rischio il finanziamento regionale di 2,5 milioni di euro. Pensato per decongestionare il traffico, anche questa estate sarà invece un nuovo problema in più».

La denuncia di Russo (Pd): “A Vibo lavori pubblici fermi al palo”

E ancora, «del progetto “Maione” – separazione acque bianche e nere della città e delle frazioni -, di importanza strategica, presentato dall’amministrazione D’Agostino il 19 dicembre 2012, se ne sono perse le tracce, nonostante a mezzo stampa più volte sia stato annunciato l’inizio dei lavori. Non diversa la situazione circa la messa in sicurezza degli edifici scolastici di proprietà comunale. La relazione delle indagini strutturali sugli edifici non è ancora giunta e dunque i relativi interventi, per la messa in sicurezza delle scuole comunali non si hanno tracce. Il periodo estivo avrebbe consentito di effettuare i necessari lavori senza creare disagi durante le attività didattiche».

Russo si concentra poi «sul Piano di protezione civile, sempre di competenza dell’assessore ai lavori pubblici, cui avevo dato ampio credito, comprendendo responsabilmente, le forti difficoltà che si sarebbero incontrate nel redigerlo. Ma il tempo appare oggi scaduto, e da quanto appreso stamane presso gli uffici comunali competenti, ancora ci vorrà diverso tempo per vederlo pronto. Potrei elencare diverse altre opere, come la scala mobile il cui cantiere apre e chiude come una porta girevole ed altre ancora, ma ciò che mi preme è che questi ed altri cantieri possano essere presto riattivati».

Quindi le conclusioni di Russo: «Da parte mia, manifesto la massima disponibilità a dare una mano qualora lo si ritenga necessario. La già debole economia della nostra città e i nostri cittadini non possono più attendere oltre. Troppi, tanti i disagi che sono quotidianamente chiamati a far fronte».

LEGGI ANCHE:

Dissesto idrogeologico, Russo (Pd): «Commissario da elogiare, ora tocca al Comune»

Lavori pubblici a Vibo, Lombardo: «Pronti cantieri per oltre 8,5 milioni di euro»