Depositi costieri, il Pd: «Sulla delocalizzazione il Comune non scappi più»

Duro intervento del segretario provinciale Enzo Insardà che esorta l’assessore al ramo a recuperare le risorse per il definito spostamento
Duro intervento del segretario provinciale Enzo Insardà che esorta l’assessore al ramo a recuperare le risorse per il definito spostamento
Informazione pubblicitaria
I depositi petroliferi fronte spiaggia a Vibo Marina
Informazione pubblicitaria

«Al Comune di Vibo Valentia, la maggioranza boccia la mozione del Pd e dei Cinquestelle finalizzata alla delocalizzazione dei depositi costieri, giustificando il voto contrario sul presupposto che tale intendimento fosse già parte del programma del sindaco. Bene, i consiglieri a questo punto, si facciano le valigie e tornino a casa. Non ha senso la loro presenza. Non ha senso il Consiglio comunale e forse neppure la Giunta, mai capace di muoversi come organismo politico». È quanto afferma in un comunicato Enzo Insardà, segretario provinciale del Partito democratico di Vibo Valentia.

Informazione pubblicitaria

«Questa amministrazione comunale – prosegue – rappresenta la mortificazione dell’iniziativa politica dei consiglieri, gli unici titolati a rappresentare la cinghia di trasmissione delle istanze dei cittadini. Mortificazione dei consiglieri e teatralità finalizzata a coprire le inefficienze e forse nel caso della Meridionale petroli, anche i conflitti d’interesse. Perché attraverso il piano strutturale si è arrivati a pregiudicare lo sviluppo turistico di Vibo Marina a favore di un privato senza neppure avere la certezze che la zona fosse davvero in sicurezza? Perché si vuole soffocare la discussione aperta e democratica sui depositi costieri? Perché non assumere un impegno formale in Consiglio comunale, attraverso una delibera, nel senso di provvedere alla delocalizzazione salvaguardando anche i posti di lavoro? Questa è certamente l’Amministrazione dei dubbi, molto profondi e non già del cambiamento come paventato in campagna elettorale».

Da dove ripartire sul tema? Il Pd intende «delegare il suo gruppo in consiglio comunale a tornare sulla questione dei depositi nel prossimo Consiglio comunale per presentare un ordine del giorno che spinga innanzitutto il Comune a chiarire la questione delle accise che devono essere investite sul territorio comunale e che spinga altresì l’assessore al ramo ad interloquire con la Regione per recuperare il decreto Loiero (poi fermato da Scopelliti) che aveva individuato le risorse necessarie per la definitiva delocalizzazione dei depositi costieri».