Coronavirus, Antonio Lo Schiavo: «Si realizzi un ospedale Covid nel Vibonese»

La proposta del leader dei Progressisti per Vibo per fronteggiare una possibile esplosione dei contagi: «Riconvertire un presidio non completamente utilizzato per gestire l’emergenza»
La proposta del leader dei Progressisti per Vibo per fronteggiare una possibile esplosione dei contagi: «Riconvertire un presidio non completamente utilizzato per gestire l’emergenza»
Informazione pubblicitaria
Antonio Lo Schiavo (Progressisti per Vibo)

«Nel quadro allarmante che sta caratterizzando la seconda ondata della pandemia, anche il territorio della provincia di Vibo Valentia, che sembrava potesse reggere l’impatto per via del basso numero di contagi, deve necessariamente fare i conti con una possibile esplosione dei casi di Covid19. Ritengo, dunque, si debba attentamente valutare, anche nel Vibonese, la possibilità di riconvertire uno degli ospedali esistenti sul territorio (e non completamente utilizzati) per la gestione, il ricovero, e la cura dei malati Covid19. Opportuno sarebbe, in tal senso, rivolgere un’espressa richiesta al ministro della Salute Roberto Speranza e alle autorità sanitarie regionali e locali. La politica locale e chi ha il compito istituzionale di tutelare la salute, faccia sentire la propria voce e avanzi proposte. Non abbiamo molto tempo». È quanto afferma in una nota Antonio Lo Schiavo, leader dei Progressisti per Vibo.