Comune di Ionadi: per il Tar il voto resta valido ed il sindaco al suo posto

Rigettato il ricorso dei consiglieri di minoranza e di altri candidati nella lista contrapposta ad Antonio Arena

Rigettato il ricorso dei consiglieri di minoranza e di altri candidati nella lista contrapposta ad Antonio Arena

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Resta valido il verbale con il quale il 12 giugno scorso è stato proclamato sindaco del Comune di Ionadi, Antonio Arena. La seconda sezione del Tar ha infatti rigettato il ricorso dei consiglieri comunali di minoranza Nazzareno Fialà e Cristian Signoretta, e dei candidati al Consiglio comunale Giampiero Calafati, Luana Currà, Vincenzo Gentile e Francesco Antonio Iorgi. I ricorrenti avevano chiesto l’annullamento delle operazioni elettorali svoltesi l’11 giugno scorso per l’elezione del sindaco e del Consiglio comunale di Ionadi con conseguente ordine di rinnovo delle stesse ovvero, in via gradata, dei verbali delle operazioni elettorali delle sezioni per le quali il risultato elettorale risulti nullo o illegittimo. In conseguenza di tutto ciò, i ricorrenti avevano chiesto ri rinnovare le operazioni elettorali. 

Informazione pubblicitaria

Nel rigettare il ricorso, il Tar è arrivato alla conclusione che dai contestati verbali sono emerse “certamente varie irregolarità e lacunosità nella loro compilazione”, ma “non è stato provato, con ragionevole certezza, che le stesse abbiano compromesso l’accertamento della reale volontà del corpo elettorale. In particolare, nell’ambito delle censure mosse da parte ricorrente, non sono risultati elementi che comprovino con certezza l’esistenza della cosiddetta “scheda ballerina”, né – concludono i giudici amministrativi – l’esistenza di irregolarità di una gravità tale da configurare le gravi ipotesi di illegalità individuate dalla giurisprudenza come idonee a travolgere le elezioni”. Il Comune di Ionadi era assistito dall’avvocato Domenico Colaci.