Bando rimozione amianto, Vibo democratica interroga il sindaco

I consiglieri Miceli e Policaro presentano un’interrogazione per sapere se il Comune ha aderito all’avviso della Regione Calabria che destina 42 milioni di euro allo scopo
I consiglieri Miceli e Policaro presentano un’interrogazione per sapere se il Comune ha aderito all’avviso della Regione Calabria che destina 42 milioni di euro allo scopo
Informazione pubblicitaria

Un’interrogazione consiliare avente ad oggetto “Rimozione e smaltimento dell’amianto, istituzione dello sportello dedicato” è stata presentata dal gruppo Vibo Democratica, composto dai consiglieri Marco Miceli e Giuseppe Policaro, e sarà discussa il prossimo 14 dicembre in Consiglio comunale.

«Scopo dell’interrogazione – fa sapere il capogruppo Miceli – è sapere se il Comune, per come già sollecitato lo scorso 2 marzo, ha partecipato e soprattutto con quale esito, al bando indetto dalla Regione Calabria che metteva a disposizione circa 42 milioni di euro per i comuni calabresi da utilizzare per l’eliminazione e lo smaltimento dell’amianto negli edifici pubblici».

Il sindaco, si aggiunge,  «dovrà anche riferire se ha redatto il Pac in ottemperanza alla legge regionale 27/2011 e se ha  attivato lo  sportello amianto utilissimo per supportare i cittadini alla risoluzione di qualsiasi problema legato all’amianto. Purtroppo, nonostante ci sia una legge che, dal lontano 1992, bandisce l’utilizzo di tutti i materiali a base di amianto perché considerato altamente tossico, per l’ambiente e per le persone l’eliminazione dell’amianto risulta essere ancora un’emergenza attuale che in Italia causa 6000 morti l’anno».