martedì,Novembre 30 2021

Vibo, l’Asp consegna alle Postazioni territoriali del 118 nuovi tablet

Consentiranno di trasmettere in tempo reale le informazioni riguardanti i pazienti. Già nei giorni scorsi la Centrale operativa era stata dotata di un nuovo sistema informatizzato

Vibo, l’Asp consegna alle Postazioni territoriali del 118 nuovi tablet
La consegna dei tablet

Il commissario dell’Asp Maria Bernardi ha consegnato dei tablet al Sistema emergenza urgenza 118 che vanno ad implementare il servizio di informatizzazione dell’importante Unità operativa.

Alla cerimonia di consegna erano presenti il referente sanitario aziendale Antonio Talesa, il direttore del Sii Anna Renda e il responsabile del Suem 118 Francesco Andreacchi.

La consegna dei tablet rientra nell’ambito del progetto “Piazza Wifi Italia” grazie al quale Infratel Italia Spa in accordo con il Mise e in collaborazione con il partner tecnico Tim e il Ministero dell’Innovazione, ha proceduto alla fornitura e all’installazione di 5.000 accesso point WiFi negli ospedali pubblici. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di aiutare i professionisti e le aziende sanitarie attraverso servizi digitali, alla luce del Dpcm 9 marzo 2020 che ha introdotto misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del Coronavirus sull’intero territorio nazionale.

I tablet, in dotazione alle 5 postazioni di Emergenza territoriale del 118 di Vibo Valentia, consentiranno di informatizzare le schede di soccorso collegandole con il sistema della centrale operativa e con quello del Pronto soccorso e di trasmettere in tempo reale le informazioni riguardanti i pazienti.

Già nei giorni scorsi la Centrale operativa era stata dotata di un nuovo sistema informatizzato in sostituzione di quello esistente oramai obsoleto. Il dottor Talesa e il dottor Andreacchi hanno voluto ringraziare la Bernardi per l’attenzione rivolta al Servizio Suem 118 che rimarca l’impegno più complessivo del management, volto a garantire una adeguata ed efficiente rete di emergenza su tutto il territorio dell’Azienda sanitaria vibonese.

Articoli correlati

top