mercoledì,Aprile 17 2024

Ospedale di Vibo, riparata una delle due Tac: i tecnici lavorano sulla seconda

In attesa della messa in funzione di entrambe le apparecchiature già da oggi potranno essere garantiti gli esami diagnostici urgenti

Ospedale di Vibo, riparata una delle due Tac: i tecnici lavorano sulla seconda

E’ stata riparata nella serata di ieri ed è quindi di nuovo funzionante una delle due tac dell’ospedale di Vibo Valentia, dove, in attesa che sia ultimata anche la riparazione del secondo apparecchio presente nel nosocomio, si potranno garantire gli esami diagnostici urgenti già nella giornata di oggi. La fase di “collaudo” post interventi di sistemazione, infatti, al momento è positiva e fa ben sperare a un rientro delle criticità date dal fermo dei macchinari sanitari i quali, da circa due settimane, avevano messo in ginocchio il reparto della radiologia dello Jazzolino impossibilitato a fornire il servizio e, dunque, costretto a rimandare e/o dirottare i pazienti in altri presidi ospedalieri. Nel corso del disservizio causato dai guasti improvvisi a entrambe le tac dell’ospedale di Vibo Valentia, gli utenti della provincia hanno dovuto fare i conti anche con il malfunzionamento di un terzo apparecchio presente nel nosocomio di Serra San Bruno. Seppur per una sola giornata, infatti, anche la tac del presidio ospedaliero delle Serre Vibonesi ha dato forfait e, così, parte dell’utenza si è riversata a Tropea dove la struttura sanitaria è dotata dell’importante apparecchio diagnostico. [Continua in basso]

Giuseppe Giuliano, commissario dell’Asp di Vibo

Tanti i malcontenti, unitamente ai disagi, che fino alla giornata di ieri hanno preso forma in denunce anche sulla stampa e per mezzo Social, da parte di cittadini amareggiati e, in alcuni casi, disperati, che hanno posto l’accento sulla già delicata situazione che da tempo investe la sanità del Vibonese. Stanchi e delusi, i più rassegnati all’idea di dover ricorrere alle cure private, mentre altri speranzosi che le sorti del sistema sanitario possano subire la tanto attesa svolta, i cittadini del territorio provinciale non hanno comunque risparmiato dure, sebbene comprensibili, critiche all’Asp che, va detto, con tutte le difficoltà del momento, si è mobilitata per intercettare le soluzioni più celeri al fine – nel caso specifico della rottura delle tac – di ripristinare entrambi i macchinari. Sistemato il primo apparecchio, si spera ora che già nella giornata di oggi i tecnici possano terminare i lavori di ripristino al secondo dispositivo dello Jazzolino, dove sono in corso gli interventi di sistemazione per riportare entrambe le tac alla loro funzionalità.

La tac è una tecnica diagnostica che sfrutta le radiazioni ionizzanti (o raggi x) per ottenere immagini dettagliate, in versione tridimensionale, di aree anatomiche specifiche del corpo umano. E’ una procedura di radiologia e ciò implica che la sua esecuzione e l’interpretazione dei risultati da essa derivanti spettino a un medico radiologo. Grazie alla qualità delle immagini che è in grado di fornire, la tac permette di studiare lo stato di salute degli organi interni ed è un valido supporto all’individuazione di: tumori, sia benigni che maligni, anche in fase d’esordio; malattie e malformazioni vascolari; stati infiammatori; malattie caratterizzate da alterazioni del parenchima; metastasi; ingrossamenti linfonodali; malattie e condizioni dell’apparato muscolo scheletrico; conseguenze di infezioni o di importanti infortuni traumatici ed è inoltre un apparecchio che può servire da guida nella pianificazione della radioterapia per un tumore, nelle biopsie a carico di un organo interno, nella pianificazione degli interventi chirurgici, oltre che strumento di monitoraggio di certe malattie, nonché valutazione dell’esito di un intervento chirurgico. Insomma, la tac è un esame diagnostico indispensabile e dalla rilevante utilità anche in campo terapeutico.

LEGGI ANCHE: Una sola Tac in funzione per un’intera provincia: rotte quelle degli ospedali di Vibo e Serra

Ospedale di Vibo, dall’attesa in barella alla Tac rotta: l’odissea di un 85enne

Sanità Vibo, il commissario Asp ascoltato dalla III Commissione del Consiglio regionale

Ospedale di Vibo, i radiologi replicano alle dichiarazioni dei familiari di un paziente

Ospedale di Tropea, niente sala d’attesa al pronto soccorso: pazienti in fila all’aperto

Ospedale di Tropea: Mammoliti interviene sulla sospensione del servizio di chemioterapia

Articoli correlati

top