giovedì,Novembre 30 2023

Accorpamento delle Guardie mediche nel Vibonese, marcia indietro dell’Asp

Non sono cadute invano le vibrate proteste di alcuni primi cittadini della provincia contro la decisione che avevo assunto l'Azienda sanitaria

Accorpamento delle Guardie mediche nel Vibonese, marcia indietro dell’Asp
Guardia medica

Nuovi criteri di definizione per l’accorpamento delle Guardie mediche del Vibonese e così il commissario straordinario dell’Asp di Vibo, Giuseppe Giuliano, ha revocato la delibera con la quale le aveva accorpate. La decisione arriva dopo le vibrate proteste da parte di alcuni sindaci (Mongiana, Capistrano, Pizzoni) che non avevano esitato a rivolgersi al presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto e al consigliere regionale Michele Comito. Anche Igor Colombo, di Exit Calabria, si era rivolto al presidente Occhiuto sollecitando l’impugnazione della delibera in questione. La delibera per l’accorpamento delle postazioni di continuità assistenziale aveva creato un malcontento generale nelle comunità soggette alle temporanee disposizioni dell’azienda sanitaria provinciale. [Continua in basso]

Giuseppe Giuliano, commissario Asp di Vibo

Le postazioni di Guardie mediche accorpate nella ormai ex delibera vergata dall’Azienda sanitaria di Vibo Valentia: Simbario e Mongiana accorpate a Serra San Bruno, Pizzoni a Soriano, Drapia a Spilinga, Sant’Onofrio a Stefanaconi e Polia a Monterosso, Capistrano a Fabrizia: e Gerocarne a San Nicola da Crissa. “La rimodulazione e accorpamento temporaneo di alcune postazioni – chiariva la delibera -sono state pensate tenendo in considerazione l’orografia del territorio, la distanza chilometrica delle postazioni accorpate dalla postazione operativa, il numero della popolazione residente, la realizzazione nell’area distrettuale di Serra San Bruno di un Aft (Associazione funzionale territoriale) a sede pubblica h12 che vede la presenza dei medici di continuità assistenziale in turnazione e di un’altra Aft a sede pubblica presso il Capt di Soriano Calabro“. Si attendono ora, dunque, che il tutto venga rivisto secondo nuovi criteri che garantiscono la migliore offerta sanitaria possibile sui territori, tenendo conto delle reali distanze tra un paese e l’altro.

LEGGI ANCHE: Guardie mediche nel Vibonese, Colombo (Exit) ad Occhiuto: «Impugni decisione Asp»

Accorpamento Guardie mediche, Comuni sul piede di guerra contro l’Asp di Vibo: «Scelte scellerate»

top