Coronavirus, vertice in Prefettura a Vibo: «Situazione monitorata»

Il prefetto Francesco Zito ha incontrato i rappresentanti di Regione, Asp, forze dell’ordine, Capitaneria e Vigili del fuoco per definire eventuali attività di coordinamento
Il prefetto Francesco Zito ha incontrato i rappresentanti di Regione, Asp, forze dell’ordine, Capitaneria e Vigili del fuoco per definire eventuali attività di coordinamento
Informazione pubblicitaria
Coronavirus, il vertice in Prefettura a Vibo
Informazione pubblicitaria

Si è tenuta nel pomeriggio di oggi, martedì 11 febbraio, nella sede della Prefettura di Vibo Valentia una riunione tecnico-operativa per approfondire i profili conoscitivi, informativi e di comunicazione connessi al Coronavirus. L’incontro, cui hanno partecipato la Regione Calabria – Dipartimento Protezione civile e Dipartimento Tutela della salute e politiche sanitarie -, l’Azienda sanitaria provinciale, le forze dell’ordine, la Capitaneria di porto e i vigili del fuoco, è stato convocato dal prefetto, Francesco Zito, allo scopo di facilitare la circolarità delle informazioni e di definire, in chiave preventiva, ogni eventuale attività di coordinamento.

Evidenziata la necessità di tenere distinti il piano dell’emergenza reale da quello dell’emergenza percepita. Attualmente, in linea con il trend nazionale, non si registrano casi di persone affette da Coronavirus nel territorio provinciale e, più in generale, in quello regionale. Nondimeno la Regione, fa sapere la Prefettura, anche in applicazione delle direttive impartite a livello nazionale dal ministero della Salute, «ha elevato la soglia di attenzione, compulsando, con l’ausilio dei soggetti competenti e delle associazioni del terzo settore, l’implementazione del sistema di controlli dei flussi di persone in ingresso, relativamente ai porti e agli aeroporti. A tal riguardo si segnala che ai controlli dei passeggeri dei voli internazionali si sono aggiunti i controlli dei passeggeri dei voli nazionali, provenienti da quegli aeroporti che non riescono ancora a garantire uno “screening delle persone in transito. Ad ogni buon fine – conclude l’Utg di Vibo – si rappresenta che il ministero della Salute ha istituito il numero verde 1500 per ogni eventuale informazione. Le richieste telefoniche saranno evase da specialisti sanitari che, secondo le esigenze del caso concreto, provvederanno eventualmente a contattare il presidio ospedaliero individuato. Per ogni ulteriore approfondimento o notizia è stata inoltre creata un’apposita sezione nel sito del ministero della Salute, consultabile al link: http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp . La situazione – conclude la nota – è costantemente monitorata da questa Prefettura».

Informazione pubblicitaria