Contagiata dal Covid partorisce a Catanzaro: mamma e bimbo stanno bene

Nei giorni scorsi la donna era stata trasferita dall’ospedale di Vibo a quello del capoluogo dove è stata allestita una sala operatoria a pressione negativa per gli interventi sui pazienti infetti
Nei giorni scorsi la donna era stata trasferita dall’ospedale di Vibo a quello del capoluogo dove è stata allestita una sala operatoria a pressione negativa per gli interventi sui pazienti infetti
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

di Luana Costa

La vita si rinnova anche ai tempi del Covid. È venuto alla luce questa mattina nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro il bambino tenuto in grembo per nove mesi da una donna affetta da coronavirus.

La partoriente era stata trasferita nei giorni scorsi dall’ospedale di Vibo Valentia a Catanzaro, dove ad inizio emergenza era stata allestita una sala operatoria a pressione negativa nel blocco operatorio appositamente dedicata ad effettuare interventi su pazienti affetti da Covid 19

Questa mattina il primario del reparto di Ginecologia, Menotti Pullano, assieme allo staff ha replicato il miracolo della vita facendo venire alla luce, in tutta sicurezza, un bimbo dal grembo di una donna contagiata. «È andato tutto bene – ha confermato il medico appena uscito dalla sala operatoria -, l’organizzazione è stata adeguata anche se abbiamo operato con un minimo di rischio».

Informazione pubblicitaria

Mamma e bimbo stanno bene

La donna ha subito un parto cesareo ma versa in buone condizioni di salute così come il bambino. Entrambi sono stati sottoposti a tampone: nel primo caso per verificare ancora la persistenza del contagio, nel secondo invece per appurare se il virus sia stato trasmesso anche al bimbo. I medici hanno infatti proceduto ai prelievi che saranno analizzati dal laboratorio di Microbiologia e Virologia, diretto dal primario Pasquale Minchella. I risultati di entrambi i test saranno noti solo nei prossimi giorni. Nel frattempo la donna tornerà ad essere ricoverata nel reparto di Malattie infettive.