mercoledì,Giugno 29 2022

Nel segno di Adelaide del Vasto diventa sempre più stretto il legame tra Mileto e Patti

Una delegazione della città siciliana è stata accolta a Mileto, nell’ambito della rassegna “La Calabria delle donne”. A breve il ricambio della cortesia

Nel segno di Adelaide del Vasto diventa sempre più stretto il legame tra Mileto e Patti

Nel segno di Adelaide del Vasto, diventa sempre più stretto il legame tra le citta di Mileto e Patti. Nelle scorse ore una delegazione della città siciliana, con a capo il sindaco Gianluca Bonsignore, il vicesindaco Eliana Raffa e l’assessore al Turismo Daniele Greco, è giunta nella città normanna per partecipare alla manifestazione “La Calabria delle donne – Festival del Genio Femminile”, dedicata proprio alla figura della terza moglie di Ruggero I d’Altavilla. L’ultimo figlio di Tancredi d’Altavilla, alla metà dell’anno mille elevò Mileto a capitale della propria contea, nell’ambito della conquista e dell’avvio del processo di rilatinizzazione del meridione d’Italia, attuati con il fratello Roberto il Guiscardo. Qui Adelaide del Vasto diede i natali a Ruggero II, ultimo figlio del Gran Conte, incoronato nel 1130 a Palermo re di Sicilia e Calabria. Dopo una vita tormentata la consorte del Gran conte si ritirò a Patti, città dove mori ed è tuttora sepolta, all’interno della basilica cattedrale intitolata a San Bartolomeo. [Continua in basso]

A Mileto, il sindaco Bonsignore e gli altri abitanti della città siciliana sono stati accolti dal sindaco Salvatore Fortunato Giordano e da altri esponenti dell’amministrazione comunale. Prima di partecipare all’incontro incentrato sulla figura di Adelaide del Vasto, hanno potuto visitare il Parco archeologico medievale dell’antica città, abbandonata dopo il nefasto terremoto del 1783, e la basilica cattedrale, chiesa madre della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea. La manifestazione “La Calabria delle donne – Festival del Genio Femminile” si è svolta nella sala consiliare di Palazzo dei normanni, davanti a un pubblico numeroso e attento. All’evento condotto da Francesca Russo e allietato dagli allievi del Cantiere musicale internazionale, oltre ai due sindaci e all’assessore Greco sono intervenuti il professore Fabio Arichetta, la direttrice de “La Calabria delle donne” Mariangela Preta e la direttrice de “La Sicilia delle donne” Fulvia Toscano, tra l’altro fondatrice del movimento “Festival del genio femminile”.

Tra i partner del progetto dedicato in questa prima edizione alle “Donne di Carta” figurano anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Calabria. Nel corso dell’incontro svoltosi a Mileto è stato anche presentato il “Premio Jole Santelli 2022”, in programma nel prossimo mese di luglio a Vibo Marina con l’obiettivo di mettere in evidenza le donne che portano in alto il nome della Calabria. Nell’ambito dell’ormai consolidato legame tra le due città, nelle prossime settimane – in occasione del mese che l’amministrazione comunale siciliana dedicherà alla riscoperta della figura della regina Adelasia e di Santa Febronia – Patti ricambierà la cortesia accogliendo, a sua volta, una rappresentanza della comunità di Mileto.

Articoli correlati

top