venerdì,Dicembre 2 2022

Paravati, il Palatenda “rinasce”: ore contate per la riconsegna alla comunità

Nelle scorse ore è stato collaudato l’impianto d’illuminazione. La tensostruttura, vittima negli anni di un incendio, riprenderà vita dopo anni di abbandono

Paravati, il Palatenda “rinasce”: ore contate per la riconsegna alla comunità
Il Palatenda di Paravati

Sta per rinascere il Palatenda di Paravati. Nelle scorse ore, infatti, il sindaco di Mileto Salvatore Fortunato Giordano, affiancato dall’assessore al ramo Rosa Alba Gangemi, da altri esponenti dell’amministrazione comunale e da tecnici, ha presenziato al collaudo del nuovo impianto d’illuminazione, dopo che in precedenza la ditta preposta alla ripristino della tensostruttura aveva installato la nuova copertura. “Ora – così come sottolinea al riguardo lo stesso primo cittadino –  si proseguirà  con le opere finali e, cioè, con la predisposizione del nuovo terreno da gioco. Subito dopo si potrà procedere all’inaugurazione dell’impianto, lasciato alle intemperie per decenni, in modo da poter riqualificare il quartiere e restituire alla comunità un bene pubblico che potrà servire a organizzare importanti manifestazioni sportive”. La vicenda del Centro polivalente situato nella frazione di Mileto, ha assunto negli anni i toni della vera e propria telenovela, con tanto di episodi attinenti alla cronaca nera, più che allo sport. Più volte Il Vibonese.it si è interessato della questione. (Continua in basso)

I lavori di realizzazione, furono addirittura avviati negli anni ’90, attingendo anche a un mutuo con la Cassa depositi e prestiti. Gli interventi furono però sospesi nel 2001, a causa della mancanza del denaro necessario per la conclusione dell’opera, e ripresi e portati a conclusione solo nel 2007, grazie ad un ulteriore finanziamento di circa 274 mila euro, costituito per l’ammontare di 236 mila euro da un fondo erogato dall’amministrazione provinciale di Vibo Valentia e per il resto da un fondo residuo proveniente dal vecchio mutuo. Qualche anno dopo la struttura – con campo di calcetto esterno annesso – fu data finalmente in gestione. Ben presto, però, il “giocattolo” si ruppe e da qui al verificarsi di un incendio che distrusse larga parte della struttura il passo fu breve. Fino a pochi mesi fa il palatenda è rimasto in stato di totale abbandono, posto privilegiato per serpi e quant’altro, nonostante si trovasse in un luogo densamente abitato e fosse stato inserito (2018) tra gli interventi di carattere finanziario predisposti dal Coni nell’ambito del fondo “Sport e periferie”, indirizzato alle strutture sportive localizzate nelle aree svantaggiate e nelle periferie urbane del Paese. Integrato dall’attuale amministrazione dell’indispensabile elemento esecutivo contabile, il progetto di circa 330 mila euro è andato successivamente avanti. Nei mesi scorsi l’inizio dei lavori. Oggi, appunto, l’installazione della copertura e il collaudo del nuovo impianto d’illuminazione, propedeutici alla conclusione dei lavori e alla riconsegna alla cittadinanza della struttura. In questo caso, però…  si spera con maggior fortuna.

top