giovedì,Maggio 30 2024

La polizia consegna l’olio del “Giardino della memoria di Capaci” alla Diocesi di Mileto

L’olio proviene dal giardino sorto nel luogo dove si verificò la strage. L'area è curata dall’associazione Quarto Savona 15, sigla radio dell’auto di scorta

La polizia consegna l’olio del “Giardino della memoria di Capaci” alla Diocesi di Mileto

Quest’anno ricorre il trentunesimo anniversario delle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio, dove persero la vita i giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Francesca Morvillo e i poliziotti incaricati della loro tutela Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina ed Emanuela Loi, nonché il trentesimo anniversario delle stragi che il folle delirio di onnipotenza di Cosa nostra fece a Firenze, Roma e Milano. Nel luogo dove avvenne la tremenda esplosione del 23 maggio, in particolare dove l’auto con i tre agenti di scorta che persero la vita fu catapultata, oggi sorge un giardino curato dall’Associazione Quarto Savona 15 (sigla radio dell’auto di scorta), animata da Tina Montinaro, vedova del capo scorta, che quest’anno ha provveduto a raccoglierne i frutti e ricavarne un certo quantitativo di olio, consegnato anche alla Questura di Vibo Valentia. [Continua in basso]

L’olio del “Giardino della memoria di Capaci”, che verrà consacrato nella Messa Crismale del Giovedì Santo per essere utilizzato durante l’anno liturgico, è stato consegnato ieri, durante la celebrazione della Domenica delle Palme, dalla Polizia di Stato di Vibo Valenti al vescovo Attilio Nostro, della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea.

LEGGI ANCHE: Parghelia, presentato il libro “Un Beato di Calabria: don Mottola”

Mileto: morta la donna del “favorite…”, simbolo dell’accoglienza dei calabresi

Articoli correlati

top