sabato,Luglio 20 2024

Escursione sull’Etna, “Vivi Serra San Bruno”: «Esperienza unica per gli appassionati di trekking»

Bilancio positivo per il sodalizio che nei giorni scorsi ha fatto tappa in Sicilia anche alla scoperta delle gole dell’Alcantara. Il presidente Papasodaro: «Associazione in continua crescita»

Escursione sull’Etna, “Vivi Serra San Bruno”: «Esperienza unica per gli appassionati di trekking»

Creare legami, conoscere i territori oltre i confini regionali. È un bilancio positivo quello dell’associazione “Vivi Serra San Bruno” che nell’ultima escursione ha lasciato i monti serresi alla scoperta della Sicilia e le sue bellezze. L’evento escursionistico ha chiamato a raccolta circa trenta appassionati di trekking provenienti dal comprensorio vibonese e altre località calabresi. La prima tappa è stata rappresentata dalle gole dell’Alcantara e il borgo di Castiglione di Sicilia: «Questo luogo – spiega il presidente del sodalizio Mario Papasodaro- ci ha regalato tante emozioni. Siamo stati nel quartiere ebraico, uno dei borghi più belli d’Italia. Gli alloggi erano stati ricavati da vecchi edifici settecenteschi. Non sono mancate degustazioni di vini e prodotti locali». Poi, giunti alle gole, alcuni hanno scelto di partecipare all’attività sportiva, body rafting extreme, «la discesa del fiume con relativo equipaggiamento». Altri invece hanno preferito godere di passeggiate lungo il corso d’acqua o al vicino orto botanico.

La giornata successiva è stata invece dedicata all’Etna: «Siamo arrivati fino ai crateri sommitali, a 3320 metri sul livello del mare. I partecipanti hanno avuto modo di osservare la vitalità del vulcano. Poi il gruppo, seguito da guide esperte, si è spostato verso i vari crateri teatro delle ultime eruzioni». Papasodaro parla di una esperienza impareggiabile: «Abbiamo camminato sul versante dell’Etna per cinque ore in compagnia delle guide vulcanologiche che ci hanno fornito tutte le spiegazioni riguardanti il vulcano, la sua attività. È stata una delle più belle iniziative di “Vivi Serra San Bruno”». Il sodalizio continua a raccogliere consensi e prosegue le sue iniziative in programma ogni mese nelle zone del Vibonese e della Calabria: «La richiesta di aderire alla nostra associazione ha superato le nostre aspettative. Tante persone partecipano alle nostre attività con entusiasmo. Gruppi di persone che inizialmente sono sconosciuti accomunate dal desiderio di viaggio e di conoscere nuovi siti, diventano compagni di tante escursioni.  Ogni evento è una nuova esperienza positiva, le discussioni sono tante e ciascuno espone e condivide la sua conoscenza personale. Non possiamo che essere soddisfatti di questa crescita».

LEGGI ANCHE: Mongiana, viaggio nella storia “industriale” calabrese con il Museo delle reali ferriere

Dalle chiese del centro storico alla scalinata Cerasarella, a Vibo un patrimonio “da vivere” 

Nuovi record per le grotte di Zungri, da inizio anno 25mila visitatori: «Boom di turisti anche dall’estero»

Articoli correlati

top