sabato,Luglio 20 2024

Piano dimensionamento scolastico, la Confsal ne chiede la rivisitazione

Il segretario provinciale Russo: «La sua approvazione provocherebbe sul territorio il venir meno di istituti di legalità e la perdita di posti di lavoro»

Piano dimensionamento scolastico, la Confsal ne chiede la rivisitazione
Vincenzo Russo

Entra in campo anche la Confsal provinciale di Vibo Valentia, nell’acceso dibattito in corso sui tagli di dirigenze previsti dal nuovo Piano di dimensionamento scolastico. E lo fa sottolineando di assistere molto preoccupata agli accadimenti di questi giorni in merito alla bozza di documento redatta dall’amministrazione provinciale sulla scorta delle linee guida della Regione Calabria. «In sostanza – afferma il segretario dell’organizzazione sindacale Vincenzo Russo – si verificherebbe a danno del territorio provinciale vibonese l’ennesima perdita di posti di lavoro e penalizzazione nell’erogazione di servizi: nel caso di specie quelli scolastici. Il ridurre da 32 a 21 le autonomie scolastiche comporterebbe: la diminuzione numerica delle varie figure (dirigenti scolastici, responsabili di segreteria, personale vario); gli accorpamenti di servizi in capo ad una singola persona, con tutto quello che ne consegue per quanto riguarda la quantità e, soprattutto, la qualità delle pratiche e/o attività varie espletate; l’assenza nell’istituto scolastico, visto gli incarichi di reggenza che i dirigenti superstiti dovranno sopportare, della figura di guida e più autorevole quale è quella del “Preside”; il dilungarsi dei tempi nella trattazione delle varie pratiche d’ufficio con il conseguente disagio per gli operatori e dei cittadini utenti». Espresse ed elencate le varie criticità, a preoccupare ancor di più la Confederazione è, in ogni caso, «il venir meno sul territorio provinciale di istituti di legalità quale è il mondo della scuola e/o del suo indebolimento». Da qui l’auspicio finale del segretario Russo «che la mancata approvazione del Piano di dimensionamento scolastico possa far riflettere ulteriormente gli amministratori provinciali e regionali sulle conseguenze che ne deriverebbero dalla sua attuazione e, quindi, ad una sua necessaria rivisitazione al fine di scongiurare, al territorio, ai lavoratori, ai cittadini tutti, le conseguenze negative ampiamente illustrate».

LEGGI ANCHE: Dimensionamento scolastico nel Vibonese: parla il presidente L’Andolina e illustra la realtà dei fatti

Vibo, dimensionamento scolastico: consiglieri della Provincia fanno mancare il numero legale

Provincia di Vibo, consiglieri contro il Piano scolastico: presentano emendamento ma non lo votano

top