Vibo, riapre l’asilo nido. L’assessore Falduto: “Grande risultato”

La delegata comunale ai servizi sociali spiega: "Abbiamo attraversato un vero e proprio percorso a ostacoli"
La delegata comunale ai servizi sociali spiega: "Abbiamo attraversato un vero e proprio percorso a ostacoli"
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’ assessore comunale ai Servizi sociali di Vibo Valentia, Franca Falduto, è stata presente all’apertura dell’asilo nido comunale che sarà al servizio delle famiglie garantendo il seguente orario: dalle 7.30 alle 17 dal lunedì al venerdì ed il sabato fino alle 14.  La stessa delegata comunale ai Servizi sociali, nella circostanza, ha dichiarato: “E’ un grande risultato della Giunta Limardo tanto più perché raggiunto attraversando un vero percorso ad ostacoli non ancora del tutto superato,  ma, come tutte le sfide più impegnative anche molto stimolante perché l’obiettivo nobile è quello di favorire il benessere dei cittadini: giovani genitori ed infanti. L’asilo nido, infatti – ha proseguito -, rivolge il proprio importante supporto sia al bambino che alla famiglia offrendo ai genitori un’esperienza educativa in un contesto esterno a quello familiare, con il supporto di personale con specifica competenza professionale”.

Informazione pubblicitaria

E ancora, Falduto ha aggiunto: “i nostri bambini potranno godere per tutto l’anno di un servizio educativo e sociale che li accoglie dai 3 mesi ai tre anni di età, integrando l’opera educativa della famiglia volta ad aiutare i propri piccoli a superare le difficoltà proprie dell’età acquisendo abilità, conoscenze nonché capacità affettive e relazionali utili per costruire un’esperienza di vita ricca ed armonica. Tutto ciò è emerso sin da subito per i numerosi bambini presenti che, serenamente intrattenuti dai tanti giochi, distribuiti nelle apposite sale, e specifici per le diverse fasce d’età (3-12, 12-24 e 24-36 mesi), sono apparsi sorridenti e felici. L’asilo nido di Vibo Valentia, uno dei più belli della Calabria, garantisce un ambiente adeguato, ricco di stimoli in cui aspetti quali l’accessibilità, le caratteristiche dell’ambiente fisico, gli arredi e la vita sana che esso offre sono posti sullo stesso piano e strettamente correlati con l’organizzazione del personale, la sua formazione, con gli obiettivi e le attività educative, con il benessere e la felicità dei piccoli, così come è giusto che sia per un luogo in cui essi trascorrono la maggior parte del tempo dei loro primi anni di vita”.