La piccola Comparni di Mileto festeggia i 100 anni di nonna Marianna

La signora Tulino taglia il traguardo del secolo di vita. Grande festa con l’omaggio del Comune, una messa e poi spettacoli e fuochi d’artificio
La signora Tulino taglia il traguardo del secolo di vita. Grande festa con l’omaggio del Comune, una messa e poi spettacoli e fuochi d’artificio
Informazione pubblicitaria

Quando in un paesino di poco più di 200 anime una di queste riesce a raggiungere la ragguardevole età dei 100 anni, il compleanno della “nonnina” diventa la festa di tutti. È quello che è successo a Comparni, frazione di Mileto, dove tutto il paese si è stretto attorno alla “giovinetta” Marianna Tulino, la quale nelle scorse ore ha toccato l’agognata e invidiabile meta del secolo di vita. A festeggiarla, nell’occasione, è giunto anche il sindaco Salvatore Fortunato Giordano e diversi esponenti di maggioranza, i quali a nome dell’amministrazione comunale hanno donato alla sempre vigile e vispa nonnina una targa ricordo. La festa di compleanno è iniziata con un momento di spiritualità e di fede, con una messa celebrata da don Antonio Gennaro nella chiesa parrocchiale. Del resto, nonna Marianna ha trascorso la sua vita proprio all’insegna di questi sacri principi. Cento anni, i suoi, tutti dedicati alla famiglia, alla chiesa e al lavoro dei campi. In giovane età, per un certo tempo ha svolto anche il ruolo di addetta al forno pubblico. Moglie del contadino Francesco Cichello e madre amorevole di quattro figli maschi e di una femmina, una volta rimasta vedova si è trasferita con quest’ultima in nord Italia, a Seregno. Senza, però, mai scindere definitivamente il legame con la terra natia, tant’è che tre dei dodici mesi di ogni anno li ama ancora oggi trascorrere nella “sua” Comparni. Al compleanno di nonna Marianna si sono presentati anche i classici giganti, al rullo di tamburi e al ritmo di danza. La festa dei cento anni, subito dopo la celebrazione della messa, è proseguita con un momento di sana convivialità e con il taglio della torta. A concludere il tutto, lo spettacolo musicale serale in piazza e gli immancabili fuochi d’artificio, offerti dai 5 figli, dai 9 nipoti e dal resto dei numerosi familiari, molti dei quali giunti per l’occasione dal nord Italia, dove si trovano e vivono per motivi di lavoro.

Informazione pubblicitaria