Lorenzo è guarito, dalla sua sofferenza nasce l’impegno per la lotta al cancro – Video

Il bambino di Pizzo ha superato la prova più dura della sua giovane vita. Ora mamma Valentina Sarlo si spende senza sosta per tutti i bambini affetti dal “male del secolo”
Il bambino di Pizzo ha superato la prova più dura della sua giovane vita. Ora mamma Valentina Sarlo si spende senza sosta per tutti i bambini affetti dal “male del secolo”
Informazione pubblicitaria
Lorenzo con mamma Valentina
Informazione pubblicitaria

L’abbiamo conosciuta qualche mese fa quando le fu rubata l’agenda in cui appuntava tutte le terapie del suo bambino. Sono trascorsi alcuni mesi e Lorenzo, 10 anni, affetto da un tumore al cervello, è guarito. C’è anche lui alla conferenza stampa che la sua mamma ha organizzato alla Tonnara di Pizzo per consegnare un assegno di 10.600 euro all’associazione Heal Onlus che si occupa di ricerca in campo neuro-oncologico pediatrico all’interno dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma. «Il mio guerriero ce l’ha fatta – dice – abbiamo visto la luce in fondo al tunnel». Eh sì, perché adesso che il peggio è passato, mamma Valentina ha deciso di spendersi per tutti quei bimbi che lottano contro il male del secolo. Nei mesi di permanenza nel reparto oncologico del Bambin Gesù di Roma ha visto volare in cielo tante giovani vite. Oggi Valentina non è più la stessa. Lei che ha superato la timidezza per portare avanti la sua battaglia. La battaglia di una mamma che ha  deciso di non voltarsi dall’altra parte. Che ha deciso di dare il suo contributo per la ricerca scientifica.

Scoprire la malattia del suo Lorenzo le ha stravolto la vita e ha stravolto quella dei suoi familiari. Ha dovuto lasciare ai nonni il bimbo più piccolo per stare accanto al figlio ammalato. «Era giugno del 2018 quando è arrivata la diagnosi. Quello stesso giorno la mia famiglia si è sfasciata. Lasciare ai nonni il più piccolo era l’unica soluzione per occuparmi di Lorenzo. Non lo abbiamo visto per mesi. È stato uno strazio». Ricorda poi il lungo intervento. «Durante quelle interminabili ore ho pregato molto». Oggi che il peggio è passato, Valentina ha deciso di scendere in campo attraverso la campagna “Il pandoro solidale-Progetto scuole del Vibonese”.

Il ricavato della vendita è stato devoluto all’Associazione Heal Onlus per la cura dei tumori cerebrali infantili  (Conto corrente bancario: IT 36 F 05372744700000011003) per l’acquisto di un neurosimulatore chirurgico. Un macchinario importantissimo per la diagnosi delle neoplasie che sarà donato all’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro. Nel reparto in cui opera la dottoressa Eulalia Galea che cura le sofferenza fisiche e psicologiche dei piccoli degenti. Altre mille euro sono state consegnate al presidente dell’associazione Sassolini onlus, una delle tante realtà  in campo per sostenere la ricerca scientifica, dall’amministrazione comunale di Pizzo.

Informazione pubblicitaria