Premio “Ambasciatori nazionali” ai Comuni di Tropea e Orsomarso

I sindaci Macrì e De Caprio a Roma per ritirare l’onorificenza destinata alle città artefici di iniziative di valorizzazione del territorio
I sindaci Macrì e De Caprio a Roma per ritirare l’onorificenza destinata alle città artefici di iniziative di valorizzazione del territorio
Informazione pubblicitaria
Macrì e De Caprio con Verdone
Informazione pubblicitaria

Come si ventilava da giorni, la cerimonia che ha svelato i nomi dei “100 ambasciatori nazionali”, tenutasi a Palazzo Madama a Roma, ha visto la Calabria rappresentata da due Amministrazioni: quelle di Tropea, nel vibonese, ed Orsomarso, comune dell’alto Cosentino. A Roma, i due sindaci Giovanni Macrì e Antonio De Caprio. Per la Perla del Tirreno, Macrì ha ritirato l’onorificenza grazie “all’azione meritoria dell’attività di volontariato che ogni domenica, dall’insediamento della sua Amministrazione, vede una squadra di cittadini impegnata a liberare vie e piazze dall’immondizia, e ripristinare aree verdi abbandonate da tempo”. Al borgo cosentino è stata riconosciuta “un’azione meritoria per la riqualificazione della piazza Aldo Moro, un tempo degradata ed oggi divenuta parco giochi pensato per bambini che soffrono di autismo, e per l’iniziativa “Orsomarso in blu – non solo 2 aprile”, giornata di sensibilizzazione sul tema”.

Accanto ai sindaci, il senatore vibonese Giuseppe Mangialavori e il presidente della commissione Confcommercio servizi Calabria centrale – Vibo Valentia Domenico De Lorenzo. Le due amministrazioni si inseriscono quindi tra le 50 città italiane virtuose, divenute teatro di azioni, e promotrici di iniziative che hanno portato alla valorizzazione del territorio, del patrimonio, dell’ambiente. Accanto agli enti pubblici, 50 soggetti privati, la cui attività è stata giudicata positivamente dal comitato preposto alla selezione. In giuria, oltre all’attore Carlo Verdone, rappresentanti delle istituzioni, uomini di cultura, accademici, membri di fondazioni nazionali, giornalisti, militari e manager.

A fare da sfondo alla premiazione, la sala Koch di Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica Italiana. Organizzata dall’Associazione Liber, presieduta da Verdiana Dell’Anna, in collaborazione con la casa editrice Rde, la serata dedicata ai 100 ambasciatori nazionali, aperta dai ringraziamenti di rito, è stata condotta dalla giornalista Alda d’Eusanio.

«Si è trattato di una giornata importante per la nostra Tropea, che dimostra ancora una volta di saper fare, e fare bene. Il lavoro dei volontari è encomiabile e questo riconoscimento nazionale, assegnato in un contesto così prestigioso, ne è la prova definitiva – ha dichiarato soddisfatto il sindaco Macrì -. Questo premio è dedicato ai cittadini di buona volontà: ma anche a tutti i calabresi che ogni giorno s’impegnano nel loro lavoro con serietà, contribuendo così a difendere e tutelare la loro terra». Il sindaco De Caprio dal canto suo ha ribadito «l’importanza di iniziative per la sensibilizzazione di tutti, dalle associazioni alle forze dell’ordine su un tema delicato quale quello dell’autismo, che vede il nostro Comune da sempre in prima linea, specie oggi, con questo  intervento che è stato al contempo di recupero urbanistico di zona degradata e di forte inclusione sociale».

Informazione pubblicitaria