Emergenza sanitaria, “Soriano è” dona 2.500 euro all’Asp di Vibo

L’associazione devolve il suo fondo cassa per contribuire a fronteggiare l’emergenza. Santaguida: «Proposta accolta all’unanimità da tutti i soci»
L’associazione devolve il suo fondo cassa per contribuire a fronteggiare l’emergenza. Santaguida: «Proposta accolta all’unanimità da tutti i soci»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Il presidente Francesco Santaguida

Una donazione per aiutare l’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia nella difficile battaglia contro la diffusione del coronavirus. Un piccolo ma importante contributo che i soci dell’associazione “Soriano è” hanno voluto devolvere all’Asp per l’acquisto di materiale sanitario quanto mai necessario in questo periodo di emergenza.

«Avevamo un fondo cassa – ha spiegato il presidente del sodalizio sorianese Francesco Santaguida – che era frutto dei risparmi delle nostre tante iniziative a favore della socialità nel nostro paese, ed anche delle nostre quote annuali. In un momento così difficile per tutta l’Italia siamo ben consci che la Calabria, ed in particolare il Vibonese, potrebbe pagare un prezzo altissimo se l’emergenza dovesse esplodere in tutta la sua drammaticità. Per questo motivo – ha rimarcato Santaguida – tutti i componenti dell’associazione hanno accolto di buon grado l’idea di contribuire a risolvere qualche piccolo problema in questa emergenza. È così che ci siamo riuniti ed all’unanimità abbiamo deciso di devolvere 2.500 euro, corrispondenti al nostro intero fondo cassa, all’Azienda sanitaria provinciale».

Un contributo che è indice della solidarietà di tante comunità del Vibonese, consapevoli che gesti di questo tipo possono spronare anche gli altri ad attivarsi in tal senso. Infine, da parte di Santaguida, una raccomandazione: «Oggi più che mai è fondamentale rispettare le norme, stare a casa è un sacrificio cui ognuno di noi è chiamato. Nessuno deve tirarsi indietro, ne va del bene di tutti».

Informazione pubblicitaria