Videocamere e agenti in borghese, a Vibo scatta il piano anti-droga nelle scuole

Azioni mirate contro lo spaccio preannunciate dal Comune grazie a fondi ministeriali per un ammontare di 20mila euro
Azioni mirate contro lo spaccio preannunciate dal Comune grazie a fondi ministeriali per un ammontare di 20mila euro
Informazione pubblicitaria
primerano domenico vicesindaco vibo
Il vicesindaco Primerano

Il Comune di Vibo Valentia è tra i 100 enti beneficiari delle risorse del Fondo ministeriale “Scuole Sicure”  2020/‘21 per la prevenzione ed il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolatici; il contributo assegnato al Comune  è pari complessivamente a circa 20mila euro.

Il progetto del Comune, in corso di approvazione dalla Prefettura, elaborato dall’Ufficio programmazione diretto dal vicesindaco Domenico Primerano, d’intesa con il sindaco, in collaborazione con il Comando della Polizia locale, prevede l’installazione di impianti di videosorveglianza nel territorio comunale. Previste inoltre campagne educative antidroga presso le scuole secondarie di secondo grado. In particolare il progetto prevede un investimento di circa 10mila euro per le infrastrutture necessarie alla interconnessione degli impianti di videosorveglianza. Circa mille euro saranno invece investiti per il materiale delle campagne educative con il coinvolgimento di tutte le scuole. [Continua]

«Per le scuole superiori – fa sapere il vicesindaco con delega alla Programmazione Primerano – sarà distribuito materiale informativo che, attraverso sei seminari dedicati, metta in guardia i giovani e le famiglie dai rischi connessi ad entrare in contatto con il mondo dello spaccio e dell’utilizzo di sostanze stupefacenti; associato alla distribuzione di questionari da compilare in forma anonima, finalizzati a recepire dati sulla diffusione dell’utilizzo di sostanze stupefacenti, sugli stili di vita dei giovani e sui comportamenti devianti, ed individuare eventuali “richieste di aiuto” o episodi degni di attenzione. Sono queste alcune delle azioni che l’Amministrazione comunale di Vibo Valentia, in sinergia con le forze di polizia, effettuerà nell’ambito del progetto “Scuole Sicure” 2020-2021».

In considerazione degli «specifici obiettivi che si intende raggiungere e di un metodo di lavoro che pone alla sua base il concetto di sicurezza partecipata, è stata condivisa l’opportunità di coinvolgere l’associazione Libera in particolare per la lotta alla ludopatia. Ad essere coinvolti, a partire dal prossimo anno scolastico, saranno circa 3000 alunni. Infine, verrà messa in atto un’attività di controllo in borghese per la repressione dello spaccio, incrementando la presenza della Polizia locale in prossimità dei plessi scolastici soprattutto nei momenti di ingresso e uscita degli alunni. Previste, in questo caso, 520 ore di servizio dedicato».