Carattere

Bilancio positivo stilato dai promotori nell’ambito della competizione vinta dal team Rari Nantes. Il direttore Murdà: «Lo sport generatore di emozioni»

La premiazione
Sport

Un clima di festa e divertimento ha accompagnato la prima edizione del torneo amatoriale di pallanuoto disputato nei giorni scorsi alla piscina comunale di Vibo Marina diretta da Daniele Murdà. A darsi battaglia tra le onde del limpido specchio d’acqua dolce sono state Rari Nantes Vibo Valentia, Pallanuoto Due Mari e Asd Penta Vibo. Applausi dal pubblico anche all’indirizzo di alcune “sirene” che, aderendo alle ultime due compagini, hanno dato filo da torcere ai loro colleghi. La competizione. Un bilancio, quello stilato dai protagonisti, più che positivo considerando che la competizione si è tenuta in un clima gioioso all’insegna della lealtà sportiva. Il palazzetto si è riempito di voci, sorrisi e grida d’esultanza sia da parte dei ragazzi in acqua che da genitori e amici al seguito degli atleti. Tutto si è svolto in perfetta sintonia con gli obiettivi prefissati, con la mission che il direttore Murdà ha più volte rimarcato: «Lo sport - ribadisce - deve essere veicolo per trasmettere valori etici; deve essere un generatore di emozioni, di entusiasmo ed una palestra di allenamento per la realizzazione dei sogni della vita; una attività fondamentale per la salute mentale e fisica».

I risultati. In questo contesto, sotto il profilo prettamente agonistico, ha primeggiato la Rari Nantes di Vibo Valentia grazie al numero di vittorie e di reti realizzate. Alcuni punti messi a segno hanno dimostrato la preparazione del gruppo. I ragazzi - magistralmente guidati dal coach Francesco Palmieri - sono apparsi sin dalle prime battute di una categoria superiore. Organizzati e con un buon livello tattico e tecnico, hanno concretizzato un’ottima partita. Non son mancati infatti i tiri a schizzo, le palombelle, i tiri a rovesciata e perfino a sciarpa. Vincente la scelta degli organizzatori di invitare anche la Pallanuoto Due Mari per tenere a battesimo il torneo, ma soprattutto per dare il benvenuto alla squadra locale cioè la Asd Penta Vibo all’esordio in una competizione. Alla prima esperienza agonistica, il team condotto da mister Daniele De Pascali ha dimostrato carattere, spirito di gruppo, combattività e determinazione e tanta voglia di divertirsi. I giovani atleti non hanno sfigurato affatto di fronte ai colleghi più smaliziati, anzi sono giunti alla fine del torneo in un crescendo tecnico e tattico. Una base solida sulla quale impostare il lavoro futuro.

La premiazione. La cerimonia conclusiva con relativa premiazione è avvenuta alla presenza del delegato provinciale Fin Giosi Cretella sempre disponibile durante lo svolgimento del torneo, dell’ingegnere Nicola Grasso presidente dell’Aics Mandaradoni e dello staff dirigenziale della piscina con a capo Daniele Murdà. Targa di riconoscimento al dottor Agostino Vallone per l’assistenza medica prestata durante tutta la durata del torneo.

LEGGI ANCHE:

Nuoto, scuola e aggregazione per promuovere la cultura dello sport nei più piccoli

Vibo Marina ha (finalmente) la sua piscina comunale (VIDEO)

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook