Carattere

Anche la settima edizione (in notturna) della gara podistica internazionale vede salire in cattedra i corridori africani. Tra i partecipanti il “veterano” Francesco Grillo che ha percorso il tracciato in carrozzina 

L'atleta ruandese Mukandanga taglia il traguardo
Sport

È stata terra di conquista degli atleti ruandesi la settima edizione della gara podistica internazionale “La Normanna”, anche quest’anno organizzata magistralmente dall’associazione “Miletomarathon”. A vincere le competizioni agonistiche, maschile e femminile, svoltesi a Mileto sul suggestivo circuito cittadino di 10 chilometri omologato Fidal, sono stati, infatti, John Hakizimana e Clementine Mukandanga, con i rispettivi tempi di 29’ 37” e 34’ 20”. Hakizimana, dopo una corsa avvincente vissuta fianco a fianco, negli ultimi metri è riuscito ad aver la meglio sul keniota Sammy Kipngetich, staccato di appena 5 secondi. Alle loro spalle è giunto il marocchino Hicham Boufarse, con il tempo di 29’ 55”. Per quanto riguarda la gara femminile, la Mukandanga si è aggiudicata “La Normanna” con oltre 2 minuti di distacco sull’atleta calabrese Palma De Leo, la quale ha a sua volta battuto allo sprint l’altra italiana Silvia Randelli

Quest’anno, per volontà dell’indomito patron Salvatore Auddino, la corsa si è svolta in notturna. Una novità che ha contribuito a dare ulteriore fascino alla manifestazione sportiva. Lo “spettacolo nello spettacolo” de “La Normanna” era, tuttavia, iniziato nel pomeriggio, con la gara riservata ai bambini. Subito dopo ad ergersi a protagonisti erano stati i tanti che praticano la disciplina a livello amatoriale, cimentatisi sulla distanza dei 3 chilometri. Quindi, la gara agonistica vera e propria vinta dai due rappresentanti del Ruanda, a cui hanno partecipato oltre 200 atleti italiani e stranieri. Una corsa, anche quest’anno raccontata in ogni suo istante dallo storico speaker della maratona di Roma e di altri prestigiosi appuntamenti podistici internazionali Ludovico Neri Ballati. Tanti i momenti da immortalare. Tra questi, l’arrivo al traguardo, in carrozzina e tra gli applausi, dell’indomito “veterano” Francesco Grillo, sostenuto anche in questa edizione passo passo dalla preziosa “stampella” Rocco Muzzopappa. La festa dello sport, che ormai da sette anni viene vissuta nella cittadina normanna grazie alla “creatura” ideata dal patron Auddino e dagli altri esponenti di “Miletomarathon”, si è conclusa con la cerimonia di premiazione consumatasi sul palco allestito, nell’occasione, in Piazza Pio XII, alla presenza del vicepresidente Fidal Calabria Bruno Neri, del vicesindaco del Comune di Mileto Tonino Prestia, del maestro orafo Michele Lo Bianco e del pianista Roberto Giordano.

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook