Carattere

L’attaccante albanese ripaga la fiducia di mister Orlandi e mette a segno il gol che regala il successo interno alla squadra rossoblù 

Sport

Il calcio è davvero strano. La conferma è arrivata oggi pomeriggio dallo stadio Luigi Razza di Vibo. Casa della Vibonese. Teatro di una delle partite più difficili giocate dalla squadra rossoblù allenata da Nevio Orlandi. Quella contro il Potenza. Una gara decisa da Edgar Çani. L’uomo che non ti aspetti. L’attaccante più “chiacchierato” nella vecchia Monteleone. In gol, fino ad oggi, solo nella goleada al Francavilla e protagonista di diverse gare a corrente alternata. Nevio Orlandi, che deve fare a meno dello squalificato Allegretti, si era già affidato a lui (con scarsi risultati) a Reggio Calabria. Una scelta non condivisa da parte della tifoseria che aspramente lo aveva contestato in settimana. Polemiche che, come giusto che sia, neppure sfiorano il tecnico rossoblù che contro il Potenza lo butta nella mischia dall’inizio. È lui a creare il primo brivido pronti via. Poi si dimena. Sbraccia e al 30’ porta in vantaggio la Vibonese con un gol da attaccante puro. Ma la sua partita non si esaurisce dopo l’esultanza. Il resto della sua partita è la sintesi di un match che tra spallate, denti stretti, qualche pericolo e una gran voglia di strappare i tre punti dopo il passo falso di Reggio premia i leoni rossoblù.

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook