“Pianeta Rossoblù Flash”, alla scoperta del vivaio della Vibonese calcio – Video

Il settore giovanile della società richiama sempre più bambini e ragazzi accolti con passione e competenza dai tecnici guidati dal responsabile Carlo Lico
Il settore giovanile della società richiama sempre più bambini e ragazzi accolti con passione e competenza dai tecnici guidati dal responsabile Carlo Lico
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il sogno di tutti i bambini del mondo: correre dietro ad un pallone su un grande prato verde. Farlo indossando la casacca della squadra del cuore. Sentirsi piccoli campioni in erba, seguiti da personale qualificato, allenatori esperti ed autorizzati, all’interno di un ambiente accogliente e giocoso. Quel sogno prende forma nel vivaio della Vibonese calcio, settore giovanile del club di Serie C che oggi investe, con rinnovato impegno, risorse ed energie per coltivare i giovani talenti. Scuola calcio ma non solo, dai primi calci agli esordienti, ce n’è per tutte le fasce d’età.

Informazione pubblicitaria

Come spiega Saverio Curello, uno dei tecnici che operano nel settore societario recentemente affidato al responsabile Carlo Lico. «Stiamo preparando questa stagione nel migliore dei modi, in sinergia, sviluppando il nostro programma e cercando di far crescere i ragazzi». Benessere dei piccoli atleti e divertimento le parole d’ordine di un impegno che a questa età è prima di tutto un gioco ma che, non per questo, viene affrontato con leggerezza da allenatori e tecnici, ben consapevoli delle loro responsabilità. «Il cambio del direttore ci ha dato nuovo slancio – prosegue Curello -, la società crede fortemente nella Scuola calcio, e noi siamo onorati di rappresentare la società. L’obiettivo primario è vedere i ragazzi venire con il sorriso e andarsene con il sorriso. Poi naturalmente c’è la cura dell’attività motoria: quella è la nostra prima responsabilità. Ci facciamo tutti noi un grosso in bocca al lupo e ringrazio il responsabile Carlo Lico per avermi dato fiducia per il secondo anno consecutivo. Non sono io a doverne tessere le lodi, perché Carlo è conosciutissimo e apprezzato in provincia e non solo. Noi siamo entusiasti e motivati a fare un buon lavoro».