Escursionismo, firmato il protocollo d’intesa tra Parco delle Serre e Kalabria Trekking

Un accordo finalizzato alla “riscoperta di una memoria storica legata a un territorio di grandi ricchezze ambientali e umane” è stato siglato nella Certosa di Serra San Bruno

Un accordo finalizzato alla “riscoperta di una memoria storica legata a un territorio di grandi ricchezze ambientali e umane” è stato siglato nella Certosa di Serra San Bruno

Informazione pubblicitaria
La sigla del protocollo

È stato ufficializzato durante l’ultima tappa della “tre giorni” di Festa dell’Escursionismo, evento nazionale organizzato da Kalabria Trekking e Gea e promosso da Federtrek Escursionismo e Ambiente che ha registrato un grande successo tra i numerosi appassionati provenienti da ogni parte d’Italia, il Protocollo d’Intesa tra il Parco Naturale Regionale delle Serre e l’Associazione Kalabria Trekking

L’accordo, sancito nello scenario di eccezionale bellezza storico-ambientale della Certosa di Serra San Bruno e con la benedizione del priore, dom Basilio Trivellato, nasce dai «comuni intenti che muovono le parti, dall’orgoglio della riscoperta di una memoria storica legata a un territorio di grandi ricchezze ambientali e umane, oltre che dalle particolari condizioni geomorfologiche di questo territorio che ben si presta a valorizzare attraverso la partecipazione, la forte identità dei luoghi, il paesaggio, la biodiversità e le memorie, presenti e custodite nell’area protetta, che tra i suoi simboli più noti ha l’abete bianco e l’airone cenerino».

Tra le finalità dell’importante accordo, voluto fortemente dal commissario straordinario del Parco, Domenico  Sodaro e dal presidente di Kalabria Trekking Lorenzo Boseggia, «quelle di promuovere in sinergia la cultura del turismo sostenibile e della montagna rispettosa dell’ambiente naturale, tutelare l’habitat e le specie presenti, oltre che diffondere e ampliare la conoscenza degli itinerari inseriti in questo grande polmone verde che si estende tra lo Ionio e il Tirreno, per una fruizione a basso impatto ambientale». 

Il sodalizio prevede per il futuro anche  «la realizzazione di progetti finalizzati all’inclusione sociale con un’attenzione particolare verso il mondo della scuola e delle disabilità, promovendo insieme ai valori ambientali, tipicità e tradizioni locali. Tra gli obiettivi a medio termine, anche la rivisitazione e ri-tracciatura del “Sentiero Italia” che da Bolzano arriva a Reggio Calabria e che nel territorio del Parco, attraversa il passo della Limina collegando le Serre all’ Aspromonte». 

Soddisfatto Lorenzo Boseggia, presidente di Kalabria Trekking, secondo il quale «il Protocollo è uno strumento che consente, oltre che a valorizzare la nostra meravigliosa terra, anche a promuovere la filosofia del camminare lento che regala ad ogni passo nuove emozioni».