In mountain bike a Pentedattilo, l’escursione di Bicinsieme sulla “mano di pietra”

Il gruppo ciclistico di San Costantino Calabro ha preso parte alla quinta tappa dei raduni itineranti del circuito regionale “Onda d’urto” che si è svolta nel caratteristico borgo del Reggino

Il gruppo ciclistico di San Costantino Calabro ha preso parte alla quinta tappa dei raduni itineranti del circuito regionale “Onda d’urto” che si è svolta nel caratteristico borgo del Reggino

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si è svolta nei giorni scorsi la quinta tappa dei raduni itineranti in mountain-bike del circuito “Onda d’urto”, il movimento spontaneo sorto in ambito regionale, il cui obiettivo è principalmente quello di far conoscere le innumerevoli bellezze della Calabria in primis ai calabresi.

Informazione pubblicitaria

La quinta tappa organizzata dalla Asd Sport e fitness di Melito Portosalvo, ha visto la partecipazione di numerosi bikers, i quali, in sella alle loro biciclette, hanno preso il via dal lungomare di Melito Portosalvo raggiungendo poi il bellissimo borgo di Pentadattilo.

Raffaele Mancuso, presidente di Bicinsieme San Costantino, che ha preso parte alla tappa, lo ha descritto come «un luogo dal fascino indescrivibile e dalla storia ultra-millenaria, che risale addirittura a diversi secoli prima di Cristo, ai tempi dei coloni greci e, proprio come accade su ogni mano che si rispetti, specie su quelle che hanno raggiunto una considerevole matura età, ne porta i segni tra le sue strade e case, come ancor meglio scrisse di esso l’immenso Italo Calvino: “il suo passato è scritto nelle vie in ogni segmento rigato a sua volta da graffi seghettature, intagli”».

E prosegue, «è sempre facile per gli escursionisti immergersi in questo misto di natura e costruzioni dell’uomo dove si insinua il suono del vento fra piante di fichi d’India e l’odore di mandorleti per poter godere di impareggiabile scenari sulla vallata e dove è possibile ammirare l’Etna che si impone dalla vicina Sicilia. Insomma visitare e vivere Pentadattilo e non è cosa da tutti i giorni e quindi non è rimasto che accettare il gentile invito che da lontano porge questa singolare mano di roccia che sembra chiamare le persone con le sue colossali dita e offrire sul suo palmo questo splendido borgo. E a questo invito non sono mancate le adesioni dei vari gruppi della Calabria – tra i quali anche il gruppo Bicinsieme Paesaggi in Movimento di San Costantino Calabro guidato da Raffaele Mancuso presente massicciamente alla tappa con 14 bikers – desiderosi di trascorrere una piacevole giornata in compagnia, immersi nella natura incontaminata con una visione così magica che compensa di ogni fatica sopportata per raggiungerla. Sono queste le occasioni migliori per incontrare i tanti amici che condividono la stessa passione per la mountain bike trascorrendo insieme piacevoli momenti di sana aggregazione alla scoperta di meravigliosi posti di cui la nostra Calabria è ricca. Lo sport è piacere quando si condividono momenti di serenità con gli amici promuovendo iniziative tese a valorizzare la risorsa del tempo libero».

LEGGI ANCHE:

Escursionisti in bici recuperano portafoglio rubato e lo restituiscono alla proprietaria

In sella su Monte Covello, Bicinsieme San Costantino non manca la tappa di “Onda d’urto”