In sella su Monte Covello, Bicinsieme San Costantino non manca la tappa di “Onda d’urto”

La società guidata da Raffaele Mancuso era tra quelle presenti all’ultimo raduno itinerante in mountain bike organizzato nel Catanzarese

La società guidata da Raffaele Mancuso era tra quelle presenti all’ultimo raduno itinerante in mountain bike organizzato nel Catanzarese

Informazione pubblicitaria
La squadra di San Costantino

Riscuotono sempre maggiori consensi i raduni itineranti in mountain bike che, ormai da diversi anni, si tengono in tutta la regione nell’ambito dell’iniziativa “Onda d’Urto”, escursioni per appassionati delle “ruote grasse” organizzate di volta in volta dalle tante società e associazioni sparse sul territorio.

Raduni, ancora, promossi e frequentati anche da diversi gruppi ciclistici con base nel Vibonese che in più di un’occasione, nell’arco di diversi anni, hanno ospitato sul territorio provinciale centinaia di bikers guidandoli alla scoperta degli angoli più suggestivi della provincia.

Tra queste anche la società “Bicinsieme – Paesaggi in movimento” di San Costantino Calabro, gruppo guidato dal presidente Raffaele Mancuso, che tra le sue uscite più recenti può annoverare proprio l’ultima “Onda d’urto”: quella tenutasi a Girifalco con annessa escursione su Monte Covello.

«Un evento – spiega Mancuso – molto ben organizzato dall’associazione Girifalco in bici e che ha visto la partecipazione di 300 bikers provenienti da tutta la Calabria che hanno potuto godere delle bellezze naturalistiche di notevole pregio sulle pendici di Monte Covello. Un evento – aggiunge – che ha regalato a tutti i partecipanti un’ospitalità di tutto rispetto dando loro la possibilità d’immergersi in una natura incontaminata che si è offerta in tutto il suo splendore».

Mancuso tiene poi a rivolgere «un plauso agli organizzatori che hanno saputo coniugare tutti gli aspetti e che hanno portato all’ottima riuscita della manifestazione regalando a tutti i partecipanti la possibilità di degustare i prodotti tipici del territorio e scoprendo i sapori che caratterizzano quel territorio. “Onda d’urto” – conclude – è un movimento che cresce sempre di più e che mira alla valorizzazione della nostra regione e alla scoperta delle tradizioni e delle tipicità e che trova ottimi consensi in tutti i partecipanti che puntualmente e massicciamente vi prendono parte».

LEGGI ANCHE:

In mountain bike alla scoperta delle “ferrovie dimenticate”, l’escursione di Bicinsieme riscuote consensi

“Trofeo Bicinsieme” di Mountain bike, a San Costantino una festa di sport e amicizia (VIDEO)

Sport e natura, a Fabrizia apre il nuovo percorso di Mountain bike “Faggio del re”