mercoledì,Maggio 12 2021

Discarica a Dinami, il Comitato si mobilita: sit-in al Comune

A parere dei promotori, il progetto votato dall’Ato «troverà un’energica opposizione da parte di tanti cittadini»

Discarica a Dinami, il Comitato si mobilita: sit-in al Comune
Il Comune di Dinami

Si terrà domani, martedì 27 aprile, davanti al palazzo municipale di Dinami, un sit-in di protesta contro il progetto di realizzazione di unadiscarica. Secondo il ComitatocivicoProDinami, che ha promosso la mobilitazione, «le colline e le montagne calabresi si stanno trasformando in vaste aree di territorio marginale da un punto di vista economico e sociale. Le tradizionali attività produttive (agricoltura, silvicoltura, pastorizia, artigianato) non garantiscono un reddito soddisfacente e l’entroterra non soddisfa una qualità di vita adeguata alle loro aspettative, a causa del contestualeridursidiserviziessenziali».

Per i cittadini contrari al progetto, «quello delle aree interne deve assumere nella coscienza collettiva la dimensione di una priorità istituzionale. Si debbono espandere le aree naturali protette, in modo che coprano gli ecosistemi chiave. Altro che discariche! Dinami ha il grande privilegio di avere a monte una vasta estensione boschiva che limita col Parco regionale delle Serre e sul pendio verso valle uniche ed invidiabili piantagioni di ulivo, alcune delle quali secolari e poi ha grande abbondanza d’acqua per i prodotti ortofrutticoli. In tale contesto – aggiunge il Comitato -, inserire una discarica sarebbe una violenza imperdonabile. Cozzerebbe poi con la storia di questo territorio che, occorre ricordarlo, vanta un santuario che richiama ogni anno centinaia di pellegrini ed ha un eremo che accoglie chi vuole cercare nel silenzio e nella preghiera un conforto alle proprie angosce e un ascolto alle proprie inquietudini. Valori e tradizioni che hanno fatto di un agglomerato di cittadini una comunità con un forte senso di appartenenza. Valori che occorre mantenere, difendere e custodire».

A parere del Comitato Pro Dinami, «appaiono incredibili le iniziative del sindaco Ciccone di catturare la buona fede dei dinamesi con promesse da campagna elettorale, come contropartita alla realizzazione di una discarica. Siamo sicuri che i dinamesi sapranno reagire nel modo dovuto ai tentativi di raggiro che la consorteria Ciccone-Limardo-Bruni, ha orchestrato nell’imminenza della campagna elettorale, col beneplacito dell’assessore regionale all’Ambiente. I numerosi e documentati dissensi alla discarica che arrivano da Dinami e da altre parti d’Italia e anche dalla riva meridionale dell’Atlantico, mostrano chiaramente che la discarica troverà energica opposizione. Anzi, siamo sicuri che non riceverà alcun lasciapassare da parte dei cittadini di Dinami e che se malauguratamente si dovesse fare resterebbe una ferita profonda tra la politica e la cittadinanza. E questo non è interesse della democrazia».

Articoli correlati

top