sabato,Settembre 18 2021

Mileto, allarme discariche a cielo aperto in località “Vindacitu”

La strada che porta a Francica è invasa in più tratti dai rifiuti lasciati dai “lordazzi seriali”. Servono interventi mirati da parte del Comune

Mileto, allarme discariche a cielo aperto in località “Vindacitu”
Uno dei punti critici

Con il passare del tempo, diventa sempre più marcata l’emergenza spazzatura sulla strada interpoderale “Vindacitu” che dal rione Calabrò di Mileto porta al vicino Comune di Francica. Una storia che si ripete, senza che nessuno abbia potuto o voluto sostanzialmente fare nulla. A dire il vero nel 2020 l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Salvatore Fortunato Giordano è intervenuta con un’azione straordinaria di ripulitura dei tratti invasi dall’immondizia, abbandonata dai soliti “lordazzi seriali” ai bordi della carreggiata e, addirittura, all’interno della stessa. Qualche settimana dopo, però tutto è ritornato “magicamente” come prima, senza che nessuno dei manigoldi venisse mai individuato o punito. Tra i detriti abbandonati nell’area, anche del materiale altamente nocivo, tra cui delle lastre di eternit. Palpabile il rammarico di chi si ritrova ad attraversare il tratto di strada e di tutti coloro che possiedono dei terreni nella zona, alcuni dei quali ormai esasperati oggi preannunciano addirittura denunce alle autorità preposte. [Continua in basso]

A rendere ancora più paradossale lo scenario di località “Vndacitu”, il fatto che nella cittadina normanna il servizio di raccolta differenziata “porta a porta” funziona in modo più che soddisfacente. Evidentemente, però, i “lordazzi seriali” si stancano troppo a raccogliere il dovuto nei vari contenitori o, in caso di bisogno, a prenotarsi in Comune per predisporre il prelievo a domicilio di eventuali rifiuti solidi urbani. Di conseguenza, forti dell’impunità ad oggi acquisita, preferiscono continuare a deturpare l’ambiente e a mettere a serio rischio la salute loro e dei propri concittadini. Tra l’altro contribuendo a gravare il Comune di spese extra, necessarie per la rimozione straordinaria della spazzatura. Costi che, inevitabilmente, poi si ripercuotono sull’entità delle tasse pagate annualmente dalla popolazione. L’unica strada per individuare e punire i protagonisti di queste deprecabili azioni sembra essere quella dell’aumento dei controlli. Urgono, nello specifico, delle telecamere “trappola” da predisporre periodicamente nei punti critici, con tanto di salate multe a carico dei contravventori… da far pagare però veramente.

top