Discarica alla foce dell’Angitola, cresce la preoccupazione a Pizzo – Video

Una vera e propria bomba ecologica da 30mila metri cubi a pochi metri dalla riva del mare. Cittadini e associazioni in allarme chiedono a gran voce la bonifica di un sito di estremo interesse naturalistico

Una vera e propria bomba ecologica da 30mila metri cubi a pochi metri dalla riva del mare. Cittadini e associazioni in allarme chiedono a gran voce la bonifica di un sito di estremo interesse naturalistico

La discarica che riaffiora all'Angitola
Informazione pubblicitaria

Tonnellate e tonnellate di rifiuti interrati fin dagli anni ‘60 e fino agli anni ’80, che hanno sfregiato un lembo di territorio. Succede a Pizzo, alla foce del fiume Angitola, a pochi metri dalla riva del mare. L’erosione costiera e le  mareggiate hanno  fatto riaffiorare una parte dei 30mila metri cubi di spazzatura che raggiungono una profondità di 10 metri. Una bomba ecologica che adesso il fiume rischia di portare a mare. E’ bastata una foto sui social a fare scattare il nuovo allarme. Il sito, già sottoposto a sequestro, è stato nuovamente transennato dal nastro bianco e rosso che ora campeggia sull’area a ridosso del mare. Il sito di Pizzo è tra le oltre 200 discariche illegali presenti su tutto il territorio nazionale, costate all’Italia una sanzione da parte dell’Unione Europea che ne ha intimato la bonifica. Mercoledì – annuncia il sindaco napitino Gianluca Callipo, nominato custode giudiziario – arriverà in città il commissario straordinario per la bonifica delle discariche abusive Giuseppe Vadalà. Il primo cittadino prova a tranquillizzare la popolazione. “Dagli studi effettuati – dice -, non risulta nessuna contaminazione delle falde acquifere. Siamo in presenza di rifiuti urbani e non tossici”. 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEDiscarica alla foce dell’Angitola, interrogazione al ministro dell’Ambiente

Discarica alla foce dell’Angitola, interviene il commissario nazionale per la bonifica