venerdì,Luglio 1 2022

Pronta una proposta di legge regionale per istituire una Riserva alla foce del Mesima

Se n'è discusso in Commissione Ambiente su imput del consigliere Ferdinando Laghi: «Un modo per salvaguardare la natura e spingere lo sviluppo economico della zona»

Pronta una proposta di legge regionale per istituire una Riserva alla foce del Mesima
La foce del Mesima

Nel corso della seduta odierna della Commissione Ambiente, il consigliere regionale Ferdinando Laghi (capogruppo di De Magistris Presidente) ha illustrato la sua proposta di legge sull’istituzione di una Riserva regionale della foce del fiume Mesima. «Una proposta – si legge in una nota – che coniuga salvaguardia ambientale a sviluppo economico e occupazione, senza per altro dimenticare il contrasto alla criminalità che nel degrado ambientale trova sempre fonte di illeciti guadagni». [Continua in basso]

L’obiettivo è quello di «avviare, attraverso l’istituzione della riserva naturalistica, misure di recupero, valorizzazione e promozione di un territorio di particolare rilevanza naturalistica soprattutto dal punto di vista della biodiversità, contraddistinto da un peculiare ecosistema caratterizzato dalla presenza di eccezionali e rare specie animali e vegetali e da un paesaggio di straordinaria bellezza e ricchezza». Ma per Laghi «non si tratta semplicemente di sostenere e conservare un habitat e le diverse specie animali e vegetali che ivi si trovano, alcune delle quali tra quelle maggiormente tutelate dalla normativa nazionale ed europea, ma anche di contribuire, attraverso la salvaguardia dell’ambiente fluviale, al recupero urbanistico, sociale, culturale e paesaggistico dell’intera area, compresa tra i comuni di Nicotera e San Ferdinando – Rosarno, area penalizzata da enormi e svariati problemi legati alla pervasiva presenza della criminalità organizzata, alla disoccupazione, allo sfruttamento della manodopera immigrata, all’abusivismo edilizio, all’inquinamento dei terreni e dei corsi d’acqua».

Dopo gli interventi del responsabile Area Parchi del dipartimento regionale all’Ambiente Giovanni Aramini, che ha dettagliatamente motivato il parere positivo del Dipartimento alla proposta, del delegato regionale Wwf Italia Angelo Calzone, e dell’architetto Antonio Gaudioso in rappresentanza del Comune di San Ferdinando, è stata la volta degli interventi dei commissari presenti, «tutti caratterizzati – prosegue la nota – da una positiva valutazione della proposta di legge. Dal presidente della Commissione Pietro Raso, alla segretaria Pasqualina Straface, a Raffaele Mammoliti, presente, nell’occasione, in sostituzione di Nicola Irto. Tutti hanno apprezzato l’iniziativa sia a titolo personale che dei partiti da loro rappresentati». Al termine della discussione, conclude la nota, «si è deciso comunque di rinviare la trattazione della proposta ad una successiva seduta, per ulteriori approfondimenti ed eventuali emendamenti suggeriti dal partecipato dibattito d’aula».

Articoli correlati

top