mercoledì,Novembre 30 2022

A Paravati Festa dell’albero grazie alla collaborazione tra scuola e Ekoclub

Promosse una serie di attività didattico-educative che hanno coinvolto i bambini della scuola per l’infanzia con la piantumazione di alcuni alberi nel cortile

A Paravati Festa dell’albero grazie alla collaborazione tra scuola e Ekoclub

Festa dell’albero nel segno della collaborazione tra scuola e associazioni ambientaliste, quella andata in scena sul territorio comunale di Mileto. Nella frazione Paravati l’evento ha visto in primo piano le scuole per l’infanzia di via XI Febbraio e via Trieste e l’associazione Ekoclub international di Vibo Valentia, promotrici di un’iniziativa didattico-educativa tesa a sviluppare nei piccoli alunni il senso del rispetto e della tutela dell’ecosistema, la capacità di osservare l’ambiente che li circonda e l’importanza del trasformare le conoscenze acquisite in comportamenti consoni a preservare la natura. Alla manifestazione green hanno partecipato, tra gli altri, il presidente dell’Ekoclub international provinciale Vincenzo Custureri (nell’occasione affiancato dal segretario Cristian Vardaro), il presidente dell’Ordine degli agronomi di Vibo Valentia Antonino Denami, la responsabile dei docenti Antonietta Varone e altri insegnanti dell’Istituto comprensivo di Mileto, di cui le due scuole per l’infanzia di Paravati fanno parte.

A rappresentare la locale amministrazione comunale ci hanno pensato, invece, il vicesindaco Fortunata Dimasi e gli assessori Francesco Ciccone e Elisa Galloro. Ne è nata un’interessante iniziativa incentrata sul tema dell’ambiente, con i bambini impegnati in una serie di attività didattico-ludico-creative, oltre alla piantumazione di alcuni alberi nell’adiacente giardino dell’edificio scolastico. Sarà adesso cura degli stessi alunni preservarli e farli crescere. In Italia la prima Festa dell’albero è stata celebrata nel 1898 per iniziativa dello statista Guido Baccelli, all’epoca ministro della Pubblica istruzione. Lo scopo è quello di infondere nei giovani il rispetto e l’amore per natura e di difendere e incentivare il patrimonio arboreo e boschivo in favore della collettività.  

LEGGI ANCHE: Pneumatici abbandonati, nel Vibonese Legambiente ne raccoglie più di 10 tonnellate

Cinghiali, gli agricoltori di Maierato: «Basta proclami, a pagare sono solo i cittadini»

top