Rifiuti a Vibo, presto operative le dodici isole ecologiche – Video

I dettagli illustrati in una conferenza stampa dall’assessore Bruni e dal sindaco Limardo. Ma non saranno accessibili a tutta l’utenza. Ecco i dettagli
I dettagli illustrati in una conferenza stampa dall’assessore Bruni e dal sindaco Limardo. Ma non saranno accessibili a tutta l’utenza. Ecco i dettagli
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Vibo Valentia fa un piccolo ma importante passo in avanti verso il miglioramento del sistema di raccolta dei rifiuti. Entro metà gennaio i cittadini residenti sul territorio comunale potranno contare su 12 isole ecologiche nuove di zecca, realizzate secondo gli standard di sicurezza ed anche videosorvegliate. «Proseguiamo nel nostro percorso virtuoso – ha affermato il sindaco Maria Limardo – con la pianificazione innovativa della raccolta rifiuti. Stamattina abbiamo pubblicato l’avviso per gli utenti che vorranno avvalersi di un badge per il conferimento. Perché le isole ecologiche, in questa fase, non sono aperte a tutti ma soltanto alle utenze domestiche territorialmente o socialmente svantaggiate, oltre che per le attività commerciali. Ci tengo a precisare – ha aggiunto il primo cittadino – che l’isola ecologica è un’isola felice, non ci sarà nessun ritorno ai vecchi cassonetti ma tutti questi interventi andranno a produrre un miglioramento nel sistema di gestione del servizio».

L’assessore all’Ambiente Vincenzo Bruni, lodando «la sensibilità del sindaco alle tematiche ambientali», ha spiegato che si tratta del terzo step nella gestione del settore, «l’ultimo porterà alla famosa tariffa puntuale», in modo che ognuno paghi per quanto effettivamente produce. Il titolare dell’Ambiente ha spiegato come verranno dislocate le isole: «Otto fisse saranno su Vibo: una al palazzetto dove gioca la Tonno Callipo, una su viale della Pace, una in località Ottocannali, una nella piazzetta di via Corrado Alvaro, una a Feudotto ed una a Moderata Durant. Un’altra verrà collocata in contrada Vaccaro a Vena Superiore, che merita la giusta attenzione avendo patito disservizi nel corso degli anni; per l’ultima ci riserviamo la collocazione in base alle richieste dell’utenza. Altre quattro, poi, verranno collocate tra Vibo Marina, Bivona e Porto Salvo, e saranno mobili». L’accesso alle isole ecologiche sarà garantito da un’entrata elettronica, videosorvegliata e controllata da remoto, «in maniera tale che noi sapremo chi e quando va a conferire, onde evitare abusi». Entro metà gennaio le isole saranno pienamente operative, mentre qualche mese ancora e verranno realizzati anche i due centri di raccolta, che serviranno, come specificato da Bruni, «a conferire ingombranti, Raee e faranno anche da stazione temporanea per i rifiuti nel momento in cui dovessero insorgere delle emergenze». Per ingombranti e Raee resta comunque attivo il servizio a domicilio della ditta. Dagli amministratori, infine, l’appello a «non abbandonare i rifiuti, perché l’ente è dotato di più telecamere mobili in grado di intercettare i trasgressori che verranno multati con sanzioni fino a 600 euro»; ed anche ad effettuare «una corretta raccolta differenziata, spesso origine di tanti disservizi quando viene compiuta male».

Informazione pubblicitaria