“Rivending”, parte da Vibo la sfida “rifiuti zero” nei distributori automatici – Foto/Video

Presentato il progetto promosso da Confida, Corepla e Unionplast per il recupero e il riciclo di bicchieri e palettine in plastica. In prima linea un’azienda vibonese
Presentato il progetto promosso da Confida, Corepla e Unionplast per il recupero e il riciclo di bicchieri e palettine in plastica. In prima linea un’azienda vibonese
Informazione pubblicitaria
Il tavolo dei relatori
Informazione pubblicitaria

Avviare un circolo virtuoso nel recupero di materiali di largo consumo che rappresentano un problema ambientale di non poco conto: bicchieri e palette utilizzati nel circuito dei distributori automatici, il cosiddetto “vending”. Materiali monouso che spesso finiscono tal quali nel secchio dell’indifferenziata quanto al contrario, se opportunamente trattati, possono rappresentare una risorsa da riciclare e riutilizzare. È la sfida di Confida, Corepla e Unionplast, associazioni e consorzi di settore, che puntano esplicitamente ad azzerare gli scarti attraverso il progetto “Rivending”, format ecologico accompagnato dal suggestivo claim “Zero rifiuti”.

Progetto presentato ieri nella Sala Murmura della Camera di commercio di Vibo Valentia su iniziativa di Confindustria Vibo e alla presenza di Pio Lunel, presidente del Gruppo imprese di gestione Confida; di Marco Sandro, responsabile del progetto Confida e di Pantaleone Tripaldi, imprenditore vibonese a capo della Bibi service srl, azienda di Limbadi leader territoriale del vending che ha prontamente sposato il progetto. Ai saluti del sindaco Maria Limardo, del presidente della Camera di commercio Nuccio Caffo e del presidente Confindustria Vibo Rocco Colacchio, ha fatto seguito la testimonianza della dirigente scolastica dell’istituto comprensivo Pugliese di Ionadi, Luisa Vitale, preceduta da un flash-mob a tema messa in scena dalle alunne della sua scuola. È toccato infine a Maria Teresa Celebre del settore comunicazione di Calabria Maceri, tirare le somme dell’evento. [Continua]

Informazione pubblicitaria

«Il progetto – ha spiegato il responsabile del progetto Marco Sandro – nasce con l’idea di rendere ancor più sostenibile il riciclo dei bicchieri di plastica utilizzati nel vending creando un “ciclo chiuso” conforme alle richieste dell’Unione europea nell’ottica di un’efficiente economia circolare. Questo ciclo virtuoso di raccolta e riciclo permetterà di semplificare il processo di selezione del materiale e di recuperare una plastica di altissima qualità e valore con cui si potranno creare nuovi prodotti. L’obiettivo finale è quello di trasformare il bicchiere usato in un nuovo bicchiere, creando così nel settore un’efficiente economia circolare».  

Tripaldi, dal canto suo, ha rivendicato come la Bibi service sia «la prima azienda in Calabria a partire in questo progetto. Presto posizioneremo degli speciali raccoglitori nelle aziende, negli enti e nei luoghi pubblici dove sono presenti i nostri distributori dove sarà possibile conferire bicchieri e palettine consentendo così un recupero integrale dei materiali e il loro avvio al riciclo. Fondamentale, ovviamente, è la collaborazione di utenti e cittadini».