lunedì,Maggio 17 2021

Manutenzione di verde e parchi, il Comune di Vibo affida l’appalto

Aggiudicata la gara ad una cooperativa cosentina, che si occuperà di curare le aree pubbliche e custodire i “polmoni” della città

Manutenzione di verde e parchi, il Comune di Vibo affida l’appalto
L'ingresso di Villa Gagliardi, nel cuore del centro storico

Sarà la “Unica cooperativa sociale” di Cosenza a gestire la manutenzione del verde pubblico e la custodia di parchi e ville comunali (ad eccezione del Parco urbano) a Vibo Valentia. La società si è infatti aggiudicata l’appalto per i prossimi sei mesi, ovvero fino a fine anno, per un importo di 76mila euro circa. L’appalto è stato aggiudicato dalla commissione di Palazzo Luigi Razza a seguito delle verifiche burocratiche, compreso il certificato antimafia.

Ambiente, Vibo cambia registro su raccolta rifiuti e manutenzione verde

Come noto, da quest’anno la cura del verde con annessi e connessi è stata “spacchettata” dal maxi-appalto per la raccolta dei rifiuti. Se fino ad oggi, infatti, entrambi i servizi venivano curati dalla Dusty, da questo giugno sono separati. La Ecocar di Latina gestirà per i prossimi tre anni i rifiuti, e da oggi la Unica coop si occuperà del verde.

Rifiuti, la Dusty saluta Vibo: «Grazie a cittadini e maestranze»

Una materia che a Vibo Valentia ha sempre destato non poche polemiche, specie per l’approssimazione che a volte ha contraddistinto l’erogazione del servizio ed ancora più spesso per la pressoché totale assenza del servizio stesso, dalla pulizia dei marciapiedi a quella delle piazze, delle aiuole, delle aree verdi grandi e piccole.

Rifiuti a Vibo, la Ecocar di Latina si aggiudica l’appalto triennale

Capitolo a parte, ovviamente, è rappresentato dai parchi. Il Comune non si è sforzato di pubblicare il capitolato sul proprio sito internet, ma nella custodia dei parchi (Villa Gagliardi, la Villa comunale e il Parco delle rimembranze) dovrebbe essere compresa la semplice manutenzione. Quanto alla gestione, bisognerà procedere, con ogni probabilità, con appositi bandi tramite i quali l’ente potrebbe decidere di esternalizzare il servizio, come accaduto, ad esempio, per il Parco urbano.

top