Il molo di Briatico escluso dai finanziamenti: la rabbia dei pescatori

I residenti si appellano alla politica vibonese affinchè anche il porticciolo rientri tra i beni oggetto d'intervento
I residenti si appellano alla politica vibonese affinchè anche il porticciolo rientri tra i beni oggetto d'intervento
Informazione pubblicitaria
Il molo di Briatico
Informazione pubblicitaria

La furia del mare, nell’inverno scorso, spazzò via il molo di Briatico. Così, dinnanzi agli ingenti danni, la comunità di pescatori aveva più volte lanciato l’allarme e chiesto interventi per il ripristino dell’area. Una serie di attività per preservare quanto rimasto del porticciolo nonché difendere la storica torretta. La notizia dei fondi – per circa un milione di euro destinati al molo Pizzapundi e la chiesetta di Piedigrotta, anch’essi danneggiati dalle mareggiate, è stata accolta con preoccupazione nella città del mare. In particolare, i cittadini si domandano l’origine di questa nuova “dimenticanza” da parte delle istituzioni: «Ci è molto dispiaciuto constatare che la Protezione civile non ha inserito tra le priorità il molo della marina della “Rocchetta”», spiegano. [Continua]

Informazione pubblicitaria
Il molo di Briatico danneggiato dalle mareggiate
Il molo di Briatico all’indomani delle mareggiate

Eppure le criticità, così come il bisogno di intervenire a tutela di uno dei luoghi simbolo di Briatico, sono stati aspetti puntualmente segnalati. E non solo. Proprio a gennaio, i tecnici Prociv avevano effettuato un sopralluogo lungo la costa, prendendo contezza degli effetti devastanti causati dal maltempo: «Non dimentichiamo – precisano, attraverso le parole di Pino Albanese che da anni si batte per la riqualificazione del sito – l’importanza del sito storico-culturale della nostra Torretta, simbolo della città del mare». Pertanto, i pescatori si appellano a tutti i consiglieri del Vibonese affinché inseriscano tra le priorità anche Briatico: «Diversamente – rimarcano – chi di competenza si assumerà le responsabilità di tutti i danni irreparabili che tale precaria situazione potrà causare».