Evasione dai domiciliari: condannato 43enne vibonese

E’ la seconda condanna dall’inizio dell’anno, dopo quella per i reati di tentato omicidio e lesioni aggravate commessi a Rimini

E’ la seconda condanna dall’inizio dell’anno, dopo quella per i reati di tentato omicidio e lesioni aggravate commessi a Rimini

Informazione pubblicitaria

Evasione dagli arresti domiciliari e resistenza a pubblico ufficiale. Questa l’accusa costata la condanna a 7 mesi per Ivan Russo, 43 anni, di Vibo Valentia, giudicato dal Tribunale monocratico presieduto dal giudice Martina Annibaldi. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna ad un anno. Russo era stato sorpreso dai carabinieri in via Milite Ignoto a Vibo Valentia con sulle spalle uno zaino e da qui l’accusa di evasione dagli arresti domiciliari. Il 28 gennaio scorso, invece, era stato protagonista di altro episodio, in quanto arrestato dalla polizia con l’accusa di aver minacciato ed aggredito fisicamente il proprietario del ristorante “Da Roberto” – sito in via Gagliardi – e la sua compagna. Sempre a febbraio Ivan Russo è stato infine condannato a 6 anni di reclusione per i reati di tentato omicidio e lesioni aggravate dopo aver ferito con un coltello a Rimini il titolare di un bar ed il figlio. 

LEGGI ANCHE: 

Evasione dai domiciliari, un arresto a Vibo Valentia

Aggredisce i poliziotti ed il proprietario di un locale a Vibo, arrestato

Accoltella padre e figlio e poi evade dai domiciliari: un arresto a Vibo (VIDEO)

Aggredisce padre e figlio con un coltello in un bar di Rimini, arrestato vibonese