domenica,Giugno 20 2021

Chiusura biglietteria della stazione di Vibo-Pizzo, Pagano (Lega): «Un’offesa al territorio»

Il coordinatore provinciale di Vibo Valentia: «Va potenziata e resa sicura con l’istituzione di un posto fisso di polizia ferroviaria»

Chiusura biglietteria della stazione di Vibo-Pizzo, Pagano (Lega): «Un’offesa al territorio»

«Ci stupisce il silenzio attorno al progressivo smantellamento del servizio ferroviario da e per la stazione di Vibo Valentia – Pizzo, unica stazione importante della provincia, e davanti all’ennesimo paventato depotenziamento che si materializzerebbe con la chiusura definitiva della biglietteria da parte di Trenitalia. La stazione rimarrebbe così priva di ogni servizio». Lo afferma, in una nota, Il coordinatore provinciale di Vibo Valentia della Lega Michele Pagano.

«Noi non siamo contrari alla modernizzazione dei sistemi (biglietteria on line e self-service), ma rimane comunque la necessità quella di mantenere la presenza della biglietteria fisica, in una stazione di grande importanza come quella di Vibo Valentia-Pizzo – continua la nota -. La provincia di Vibo Valentia è un territorio a grande vocazione turistica, da poco la città capoluogo è stata promossa a Capitale Italiana del Libro e Tropea eletta il Borgo più bello d’Italia e invece di incrementare i servizi Trenitalia pensa invece di arrecare un notevole danno, non solo come servizio ma anche come immagine al territorio. Ricordiamo che anche il bar è chiuso da oltre un anno e mezzo ma non si hanno notizie di un eventuale bando per la riapertura. È facile intuire che lo stato di abbandono della struttura crea notevoli disagi ai tantissimi pendolari, lavoratori e studenti, e ai turisti che hanno scelto la nostra provincia come meta delle loro vacanze».

«Inoltre, siamo in una fase in cui il governo nazionale pensa ad una consistente immissione di giovani nel mondo del lavoro, prevalentemente nelle aziende a partecipazione statale, per cui non si riesce a capire a quale logica aziendale risponda la chiusura della biglietteria nella stazione vibonese – conclude Pagano -. Per questo motivo riteniamo che, non solo la biglietteria non deve essere chiusa, ma che la stazione andrebbe addirittura potenziata e resa sicura con l’istituzione di un posto fisso di polizia ferroviaria. Chiediamo come Lega che le Istituzioni tutte, a qualsiasi livello, intervengano presso i vertici di Trenitalia e RFI per ripristinare un servizio essenziale ed anche per inserire la stazione di Vibo-Pizzo in un progetto di modernizzazione strutturale che la renda più accogliente e funzionale»

LEGGI ANCHE: Chiusura della biglietteria della stazione di Vibo-Pizzo, Lo Schiavo: «Scelta incomprensibile»

Articoli correlati

top