Il nuovo prefetto di Vibo Giuseppe Gualtieri operativo e pronto alla sfida (VIDEO)

Priorità al contrasto del fenomeno della corruzione a più livelli, massima attenzione sugli enti locali, ma grande attenzione pure all'ascolto, al dialogo ed a coltivare i rapporti umani

Priorità al contrasto del fenomeno della corruzione a più livelli, massima attenzione sugli enti locali, ma grande attenzione pure all'ascolto, al dialogo ed a coltivare i rapporti umani

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Operativo e pronto ad affrontare tutte le tematiche che attengono al nuovo ruolo di prefetto applicando rigorosamente la legge, ascoltando sempre le istanze dei cittadini ma al tempo stesso prendendo anche, dove se ne ravvisi la necessità, decisioni scomode. Giuseppe Gualtieri, superpoliziotto già in servizio alla Squadra Mobile di Vibo Valentia negli anni ’90 e già autore a Palermo della cattura del boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano, latitante per quasi 40 anni, è il nuovo prefetto di Vibo. Una sfida importante in un ruolo che spera di svolgere al meglio. Fra le azioni prioritarie che intende mettere in campo, la lotta alla corruzione, che significa soprattutto controllo sugli enti locali e sulle possibili infiltrazioni mafiose nei Comuni e non solo. Una priorità nazionale – la lotta alla corruzione – alla quale il nuovo prefetto di Vibo non intende sottrarsi. Una nomina, quella di Vibo, che Giuseppe Gualtieri ha accettato con gioia. Un ritorno in una realtà che sa essere molto cambiata da quando vestiva la divisa di poliziotto, ma che è pronto a conoscere con la stessa determinazione ed impegno nel lavoro che l’ha sempre contraddistinto in una carriera di altissimo livello. “le cose sono molto cambiate da quando ero a Vibo – spiega nel corso di un incontro con la stampa – e noto un certo scoramento, ma resto convinto che anche in questa provincia le persone oneste siano la maggioranza. C’è tempo per invertire la rotta sulle tante cose che non vanno, ma questo cambiamento deve partire dal basso, dagli stessi calabresi. E’ importante il dialogo e la Prefettura resterà un punto di riferimento per tutte le istanze sociali e le vertenze nelle quali può svolgere un ruolo importante e tramite con il Governo nazionale. Vibo Valentia rappresenta per me una bella sfida che affronterò questa volta applicando il diritto amministrativo. E’ importante in questa prima fase che mi faccia un’idea sulla realtà concreta nella quale andrò ad adoperare, con la certezza però che se ci sarà da usare la fermezza in determinate situazioni, lo farò senza problemi, attenzionando tutte le situazioni che ci verranno segnalate”. LEGGI ANCHE: L’INCHIESTA | ‘Ndrangheta ed enti locali: ecco cosa troverà il prefetto Giuseppe Gualtieri

Informazione pubblicitaria