Omicidio Canale, il rifiuto di Bono e lo scambio di killer tra Vibonese e Reggino (VIDEO)

Dalle carte dell’operazione sul delitto di Gallico emerge un intreccio di sicari a buon mercato arruolati nella faida tra Patania e Piscopisani e nei regolamenti di conti in riva allo Stretto

Dalle carte dell’operazione sul delitto di Gallico emerge un intreccio di sicari a buon mercato arruolati nella faida tra Patania e Piscopisani e nei regolamenti di conti in riva allo Stretto

Informazione pubblicitaria
L'omicidio Canale. Nei riquadri, da sinistra, Bono e Figliuzzi

«Mi avevano proposto 14mila euro, io gli ho detto di no». Così il pentito Daniele Bono. Anche lui era stato contattato da “cumpari Turi”, ovvero Salvatore Callea, il reclutatore di killer per conto dei clan in guerra. A Gallico c’era da ammazzare Peppe Canale per vendicare l’uccisione del boss Domenico Chirico. Originario di Oppido Mamertina, sistematosi nel Viterbese, Callea era stato scomodato dai mafiosi di Gallico entrati in guerra già prima che a Vibo e dintorni deflagrasse la faida nella quale, su impulso di Pantaleone Mancuso alias “Scarpuni”, prestò servizi e sicari ai Patania contro il clan dei Piscopisani. (L’articolo prosegue sotto la pubblicità)

Bono, uomo dei Patania, il cui pentimento segnò una svolta nelle indagini sul bagno di sangue di cui fu teatro il Vibonese, all’epoca rifiutò l’offerta di Callea. E la rifiutarono pure i due killer dei Balcani ingaggiati da Callea che invece spararono nella faida tra i Patania e i Piscopisani: Arben Ibrahimi e Vasvi Beluli, anche loro oggi dei collaboratori di giustizia. Accettarono invece di assassinare Canale, per soli diecimila euro da saldare a rate, Cristian Loielo e Nicola Figliuzzi, quest’ultimo pentito reo confesso di una batteria d’assassini. 

Un intreccio di killer arruolati a buon mercato nei bassifondi del crimine quello che emerge dalle carte dell’operazione che ha fatto luce sull’agguato che nell’agosto 2011 costò la vita a Peppe Canale. Un’indagine dalla quale viene solo lambito, ma non indagato, un altro presunto killer, Sebastiano Malavenda, la spalla di Vasvi Beluli nell’agguato che il 7 luglio 2012, sulla spiaggia di Vibo Marina, provocò la morte di Davide FortunaLo chiama in causa Ibrahimi come compartecipe al delitto Canale, ma la sua ricostruzione viene smentita dal reo confesso Figliuzzi. Ibrahimi rivela però un’altra circostanza: a portare Malavenda da Reggio a Vibo, per sparare nella faida tra i Patania e i Piscopisani, sarebbe stato Nino Crupi, il genero del defunto boss di Gallico Domenico Chirico. Scambio di favori tra clan, anche questo.

LEGGI ANCHE:  ‘Ndrangheta: arrestati i mandanti dell’omicidio Canale a Reggio. Killer assoldati nel Vibonese

‘Ndrangheta: omicidio Canale, anche Loielo non risponde al giudice

‘Ndrangheta: omicidio Canale, Figliuzzi non risponde al gip

‘Ndrangheta: omicidio Canale, ecco il ruolo di tutti gli arrestati

Omicidio Canale a Reggio: il profilo dei due presunti killer vibonesi

‘Ndrangheta, omicidio Canale: arresti anche nel Vibonese